Venerdì, 19 Luglio 2024
Politica Città sant'angelo

Opposizione all'attacco sugli eventi estivi a Città Sant'Angelo: "Cartellone raffazzonato e a rate, tutto a spese dei cittadini"

I consiglieri di minoranza denunciano la mancanza di programmazione e dunque anche di attrattività in termini turistici dati che il 4 luglio è arrivata notizia degli eventi del solo mese in corso: eventi quasi messi a cado, denunciano parlando di "curiosa strategia" della giunta Perazzetti

“Gli eventi estivi costituiscono un momento di svago per la comunità e soprattutto un attrattore turistico. Per richiamare quanti più visitatori possibile occorre tuttavia promuoverli per tempo, definendo tra maggio e giugno tutti gli appuntamenti previsti per la stagione estiva. Un modus operandi ormai acclarato e adottato a buon ragione da tutti i Comuni, tranne quello di Città Sant’Angelo, che da alcuni anni ha ormai preso la consuetudine di pubblicare il cartellone estivo a spezzoni, o meglio a rate”.

A sollevare la polemica e puntare il dito sul sindaco Matteo Perazzetti e la sua giunta sono i consiglieri di minoranza Csa Visione comune Ugo Di Silvestre, Alice Fabbiani, Paolo Pratense, Franco Galli e Catia Ciavatella che commentano negativamente il fatto che per avere contezza degli eventi del solo mese di luglio si è dovuto attendere il 4 del mese stesso. “Presumiamo che per conoscere, al di là di qualche spoiler, la programmazione del mese successivo dovremo invece attendere agosto – inalzano -. Una modalità priva di logica che con ogni evidenza induce turisti e visitatori a scegliere altre mete, e che dimostra come questa giunta non abbia alcun interesse a puntare sul rilancio del nostro comune, rivelando scarsa lungimiranza e assenza di programmazione”.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Polemiche anche per la programmazione resa nota con eventi che si ripetono per giorni, denunciano ancora i consiglieri di minoranza, e che si sovrappongono per orari e location. “Un cartellone raffazzonato che difficilmente riuscirà a intercettare un pubblico ampio. Dobbiamo inoltre registrare come l’organizzazione degli eventi sia demandata a terzi, dietro la motivazione che all’interno del Comune non vi sono persone dotate delle competenze necessarie”, dicono ancora.

“Ovviamente questo ha un costo per la collettività”, denunciano le opposizioni. “Apprendiamo infatti dalla determina 192 del 25 giugno 2024 che per l’organizzazione dello spettacolo socio-culturale svolto il 27 giugno, per altro neanche promosso più di tanto dato che il cartellone del mese di giugno non è stato mai pubblicato, sono stati assegnati poco più di duemila euro ad una cooperativa esterna. La domanda sorge spontanea, tra i compiti di un assessore alla cultura non dovrebbe esserci anche quello di organizzare eventi?”.

“Non ci resta che attendere agosto per capire quali grandi sorprese ci riserverà l’amministrazione comunale, nella speranza che, - concludono sarcasticamente i consiglieri comunali - ora che è stata definita la giunta ed è terminato il valzer delle deleghe, possa finalmente iniziare ad occuparsi del bene della comunità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Opposizione all'attacco sugli eventi estivi a Città Sant'Angelo: "Cartellone raffazzonato e a rate, tutto a spese dei cittadini"
IlPescara è in caricamento