rotate-mobile
Elezioni Regionali 2019

Scoppia il caso 'Abruzzo Futuro', l'ira di Masci: "Stanno usando senza permesso il mio logo"

L'ex assessore regionale si scaglia contro Giovanni Legnini e Donato Di Matteo: "Stanno utilizzando questo simbolo senza alcuna autorizzazione da parte mia, che ne sono il legittimo proprietario"

Scoppia la polemica su un "brand" politico in merito alle elezioni del prossimo 10 febbraio.

Tutto nasce dal fatto che una delle 8 liste a sostegno del candidato governatore di centrosinistra, Giovanni Legnini, si chiama 'Abruzzo Insieme-Abruzzo Futuro'. Tanto è bastato per far insorgere il consigliere comunale Carlo Masci, capogruppo di Pescara Futura.

Si chiamava, infatti, proprio "Abruzzo Futuro" la lista presentata da Masci alle regionali del 2014. Addirittura è stato utilizzato lo stesso logo. Così oggi l'ex assessore al bilancio della giunta Chiodi ha pubblicato uno specifico post su Facebook:

"Questo simbolo rappresenta decine di migliaia di cittadini abruzzesi, che l'hanno votato sempre nell'area liberale e moderata del centrodestra. In Abruzzo tutti sanno che questo simbolo è riferibile a Carlo Masci. Legnini e Di Matteo, che hanno nascosto il loro simbolo del Pd, stanno utilizzando il simbolo Abruzzo Futuro senza alcuna autorizzazione da parte mia, che ne sono il legittimo proprietario e utilizzatore".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scoppia il caso 'Abruzzo Futuro', l'ira di Masci: "Stanno usando senza permesso il mio logo"

IlPescara è in caricamento