menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso seggi, Sospiri: "Legnini se la prenda con Luciano D'Alfonso"

Parla il consigliere regionale di Forza Italia, appena rieletto: "Un'assegnazione immorale, sono d'accordo, ma la colpa è del Partito Democratico: hanno avuto 5 anni per modificare una legge elettorale"

«Se Legnini si lamenta di avere meno seggi, se la prenda con l'attuale onorevole Pd D'Alessandro e con l'ex presidente D'Alfonso: hanno avuto 5 anni per modificare una legge elettorale, nata a marzo 2014 come sistema bipolare e che considerava solo le coalizioni. Nella scorsa legislatura ho presentato un emendamento per modificare l'assegnazione dei seggi alla minoranza, ma l'ostruzionismo M5S, che non sono fessi fino a questo punto, lo ha impedito. Insomma, è sempre colpa di D'Alfonso: prima, durante e dopo».

Così risponde il consigliere regionale di Forza Italia Lorenzo Sospiri, appena rieletto, tra i più votati nell'ultima tornata elettorale e tra i papabili come assessore.

«L'assegnazione di 7 seggi a chi ha preso il 20% e 5 a chi ha preso 32% dei voti è politicamente immorale, sono d'accordo - continua - Il mio emendamento fu scambiato con l'incompatibilità di Legnini, il colpevole ritardo è tutto del Pd. L'unica anomalia, appunto, riguarda l'assegnazione dei seggi alla minoranza. Quindi Legnini se la può prendere solo con il Pd''.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento