menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Moralità, ambiente e lavoro, le sfide di Di Minco per conquistare la Provincia

La campagna elettorale volge al termine e il giorno dei risultati si avvicina. Abbiamo sentito Sandro Di Minco candidato di Rifondazione comunista alla presidenza della Provincia di Pescara. Di Minco è attualmente capogruppo del Prc al Consiglio provinciale di Pescara e assessore alla cultura e al turismo al Comune di Loreto Aprutino

Quali saranno a suo avviso i punti cardine della nuova giunta provinciale?

A mio parere ci sono 3 emergenze: la questione occupazionale e sociale,  la questione ambientale e la grandissima emergenza della moralità nella politica. Credo siano ineludibili e, se fossi eletto Presidente, costruirei la Giunta provinciale intorno ad esse, per affrontarle e risolverle.
Ne consegue, ad esempio, quanto alla terza questione, che nella mia Giunta non ci sarebbe alcuno spazio per personaggi dai comportamenti moralmente censurabili e proprio per questo non abbiamo accettato la proposta della coalizione di centro-sinistra.

Riguardo la questione ambientale, l’Abruzzo da polmone verde d’Italia e d’Europa a regione ad  alto tasso d’inquinamento. Penso alla discarica di Bussi e agli altri casi. Come si porrà rispetto a questi problemi?


Come ho accennato sopra è una delle questioni principali, fortemente interconnessa con le altre. Il nostro territorio è stato letteralmente devastato negli ultimi anni anche per responsabilità di una “malapolitica” : si pensi alla discarica abusiva di Bussi, all’erogazione di acqua potabile contaminata da sostanze cancerogene, all’eco-mostro nella riserva del lago di Penne, al tentativo - voluto dal Governo Berlusconi - di fare del nostro territorio una sorta di piattaforma petrolifera con trivellazioni sul 51 per cento del territorio, all’inquinamento del fiume Saline, ecc. La Provincia pur non avendo competenza diretta può e deve stimolare tutte le Autorità, regionali, nazionali e Comunitarie, per l’immediata bonifica dei siti, per il ripristino originario dei luoghi e perché proprio dall’azione di risanamento si dia luogo alla creazione di posti di lavoro.

Stabilizzazione dei precari alla provincia di Pescara. Cosa pensa a proposito delle politiche di contrasto al problema? Come pensa di agire sul tema?

La questione è delicata ma chiara. Sono tutti pronti a dire quanto sia grave la crisi sociale ed occupazionale e poi, in queste ultime ore, abbiamo assistito all’affossamento, da parte del Centro-destra in Provincia, della procedura per la stabilizzazione dei 67 lavoratori precari della Provincia stessa. Questo percorso, avviato, anche su mia proposta, sin dal 2007, va portato a compimento.

Immagini che nessuna delle liste raggiunga il 50% al primo turno. Con chi cercherebbe un’alleanza nell’eventuale ballottaggio e su quali basi?

Il dialogo sarebbe possibile solo col Centro-sinistra ma a condizioni chiare: a)l’impegno a realizzare quanto appena descritto sopra e b) l’esclusione da ruoli di governo di personaggi chiacchierati e/o inquisiti per reati gravi contro la salute dei cittadini e/o contro l’imparzialità della Pubblica Amministrazione.

Immagini di essere eletto Presidente della Provincia e di poter fare subito 5 cose. Quali sarebbero le sue priorità?


1) mi costituirei immediatamente in giudizio in difesa degli interessi dei cittadini della Provincia contro i presunti responsabili di atti gravi come la distribuzione di acqua contaminata, l’inquinamento di Bussi, i fenomeni di presunta corruzione riguardanti precedenti Amministratori Provinciali,ecc. 2) Convocherei un incontro con il Presidente della Regione, delle altre Province e con i rappresentanti di tutti Comuni abruzzesi per dire al Governo Berlusconi che non vogliamo la “svolta petrolifera”. Farei tutto il possibile perché la comunità Pescarese e Abruzzese possa riappropriarsi del proprio futuro.  3) Procederei per l’immediata stabilizzazione dei lavoratori precari. 4) Avvierei una vertenza col Governo nazionale e regionale per ottenere fondi sufficienti per la messa in sicurezza degli edifici scolastici della Provincia e per nuove strutture, a partire dall’Istituto alberghiero. 5) La straordinarietà della situazione che vive la nostra Regione e la nostra Provincia (la crisi economica ed occupazionale, il crollo del sistema sanitario regionale e l’emergenza sismica) richiede un piano straordinario, ad esempio destinando all’Abruzzo i 14 miliardi di Euro che il Governo vorrebbe invece utilizzare per acquistare 131 aerei militari da guerra di cui non c’è alcun reale bisogno.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento