rotate-mobile
Elezioni Comunali 2012: Provincia di Pescara

Elezioni Amministrative 2012, quando un voto è nullo, schede bianche e schede contestate

Ecco tutti i casi in cui un voto viene considerato nullo e quindi non conteggiato durante le prossime elezioni amministrative in programma il 6 e 7 maggio

Il voto viene considerato nullo quando non è possibile determinare con assoluta certezza l'assoluta volontà dell'elettore, o in alcuni casi particolari che dipendono dalle dimensioni del Comune in cui si vota (fino a 15 mila abitanti, oltre 15 mila abitanti)

Tre i casi di voto annullato:

1) schede nulle;
2) schede contenenti voti nulli limitatamente alle liste, ma validi per i candidati alla carica di sindaco (solo per i comuni superiori a 15.000 abitanti)
3) schede contenenti voti di preferenza nulli.
 

Se la scheda non contiene alcun voto o segni e scritture non previste dalle norme attualmente in vigore il voto è nullo, così come nel caso in cui il voto non è manifestato in modo univoco

Per le elezioni nei comuni con popolazione sino a 15.000 abitanti, il voto è nullo se il candidato e la lista scelti non solo collegati, in quanto il voto disgiunto è previsto per i comuni al di sopra dei 15 mila abitanti. Il voto è valido, nel caso della preferenza scritta a mano, nel caso in cui ci siano errori ortografici che non impediscano di riconoscere il candidato scelto.


SCHEDE BIANCHE - Si considerano bianche le schede che, regolarmente munite del bollo e della firma, non riportano alcuna indicazione di voto, traccia o scrittura.

SCHEDE CONTESTATE - Per le schede dubbie o contestate decide temporaneamente il Presidente di Seggio, con la possibilità di presentare poi un ricorso dopo la proclamazione degli eletti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Amministrative 2012, quando un voto è nullo, schede bianche e schede contestate

IlPescara è in caricamento