rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Politica

Elezioni, parla D'Alfonso: "Adesso che sono senatore voglio provare ad aiutare da Roma"

Il presidente della Regione Abruzzo, ai microfoni di Rete8, ha parlato di "un voto di totale scavalcamento di chi ha responsabilità di governo. C'e' bisogno di un ripensamento profondo dell'iniziativa politica"

"L'esito elettorale mi ha insediato senatore, poi ragionero' con la mia coalizione per valutare la cosa piu' conveniente e opportuna da fare. Voglio anche ragionare dei risultati elettorali e mettere in evidenza come assolutamente hanno vinto le elezioni i Cinque Stelle e la Lega di Salvini".

Sono le parole di Luciano D'Alfonso, presidente della Regione Abruzzo, candidato Pd nel plurinominale al Senato, ai microfoni dell'emittente tv abruzzese Rete8.

"Ho concluso, come tanti altri osservatori, che chi ha responsabilita' di governo paga pegno. In tutta Europa, e adesso anche in Italia, chi ha in esercizio la responsabilita' di governo male si concilia con la conferma del consenso elettorale".

D'Alfonso ha parlato di "un voto di totale scavalcamento di chi ha responsabilita' di governo. C'e' bisogno di un ripensamento profondo dell'iniziativa politica e di recuperare anche la capacita' di coltivare un pensiero radicale che recuperi gli esclusi di una societa' che, probabilmente, divide tra chi sta dentro e chi sta fuori". Si e' detto quindi "impensierito e preoccupato".

Quanto alla scelta se lasciare la presidenza della Regione Abruzzo per Palazzo Madama, D'Alfonso ha detto:

"Devo definire con la mia coalizione, con il mio partito, cosa e' piu' giusto fare. Non posso non tenere conto che adesso sono senatore e voglio provare ad aiutare da Roma questa regione". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, parla D'Alfonso: "Adesso che sono senatore voglio provare ad aiutare da Roma"

IlPescara è in caricamento