Politica

Solo una donna su 31 relatori all'Abruzzo Economy Summit, la critica del Pd: "Contro i principi di parità di genere"

Il Partito Democratico critica l'organizzazione degli stati generali sull'economia dell'Abruzzo per la presenza di una sola donna alla due giorni prevista all'Aurum di Pescara domani e sabato 25 settembre

Una sola donna su 31 relatori all'Abruzzo Summit Economy che si svolgerà nell'Aurum di Pescara venerdì 24 e sabato 25 settembre.
Critiche da parte del Pd Abruzzo: «Contro i principi di parità di genere».

«Un evento importante istituzionale e basato su temi attualissimi e su argomenti dirimenti, come l’economia, la crescita e lo sviluppo tanto da prevedere un gran numero di incontri e di relatori, ben 31, che racconteranno l’Abruzzo e le sue necessità per uscire dalla crisi», si legge in una nota, «il genere femminile, quand’anche capace, protagonista nel campo dell’imprenditoria, delle professioni e nella gestione di piccole e grandi aziende, sarà rappresentato da una sola donna».

Maria Fiorella Rotolo, componente del Comitato per le Idee del Partito Democratico abruzzese, esperta di leadership al femminile, si chiede «come mai donne che quotidianamente si confrontano con la necessità di avere voce e raccontare il loro impegno in ambito imprenditoriale, sociale, politico, universitario; donne che nel silenzio hanno portato avanti attività familiari e risanato conti economici per imprese ormai ‘bollite’; donne che hanno creato imprese ex novo in aree dell’Abruzzo affaticato e spento dalle tristi disavventure economiche, sociali e da un anno e mezzo, anche sanitarie, non si ritiene opportuno, utile, doveroso per la comunità, invitarle ad Abruzzo Economy Summit. Purtroppo in Italia ci sono organizzazioni, società e in questo caso organi territoriali come la Regione Abruzzo in cui si ritiene che le politiche economiche e le visioni per il futuro siano di pertinenza solo degli uomini. Eppure sono molte le protagoniste che da anni dimostrato in Italia e all’estero che il loro talento può fare la differenza e quanto potrebbero essere di aiuto per le donne più giovani che cercano referenti e modelli da cui trarre ispirazione».

Questo quanto aggiunge Lorenza Panei, portavoce regionale della Conferenza delle Donne Democratiche: «È di ieri la notizia che la parità retributiva tra i generi è legge della Puglia, la Conferenza nazionale delle Democratiche ha dedicato la sua prima Agorà proprio al lavoro intitolandola proprio "Il lavoro delle donne", incontro di proposte a cui ha partecipato pochi giorni fa, fra gli altri e le altre, anche il ministro del Lavoro e delle politiche sociali Andrea Orlando. E intanto sul nostro territorio succedono cose di questo tipo».

Per Marielisa Serone e Michele Fina, responsabile Politiche per la parità e segretario del Partito Democratico abruzzese, «la parità di genere è un principio fondamentale dell’ordinamento europeo e della Costituzione italiana: bisognerebbe considerarla quindi presupposto per un sistema equo di cittadinanza, convivenza e sviluppo socioeconomico. È nostro compito promuovere il superamento delle differenze retributive tra i sessi, per garantire l’effettiva partecipazione delle donne all’organizzazione sociale, economica e politica. E questo passa anche,  ma vorremmo dire soprattutto, dal consentire una partecipazione equa ai processi decisionali, di spinta ed elaborazione intellettuale e programmatica. In questo processo le donne, che rappresentano la metà del genere umano, non possono mancare. Anzi, non possono essere messe fuori».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Solo una donna su 31 relatori all'Abruzzo Economy Summit, la critica del Pd: "Contro i principi di parità di genere"

IlPescara è in caricamento