menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Domenica il convegno della "Gran Loggia D'Italia", Forza Nuova protesta

Domenica 21 marzo, presso l'Hotel Serena Majestic, si svolgerà un convegno della loggia massonica "Gran Loggia D'Italia", per ricordare il centenario della fondazione dell'Ordine. Forza Nuova protesta: "Sconcerto e disgusto"

Domenica 21 marzo, si svolgerà presso l'Hotel Serena Majestic di Montesilvano, il convegno della loggia massonica "Gran Loggia D'Italia", in ricordo del centenario della fondazione dell'Ordine.

A partire dalle 10, il professore Alessandro Aldo Mola, illustre storico e attento conoscitore delle tematiche massoniche, coadiuvato da altri importanti studiosi, di fama nazionale e internazionale, si ritroveranno per dar vita al convegno “Cento anni fra squadra e compasso – La Gran Loggia d’Italia dall’età giolittiana all’era della globalizzazione”.

"Un compleanno così importante va festeggiato con un evento solenne, con un momento di festa, di studio, di riflessione – spiega il Sovrano Gran Commendatore Gran Maestro Luigi Pruneti – e soprattutto con un’occasione che ci permetta, ripercorrendo la nostra storia e soffermandoci sull’oggi, di immaginare quale potrà essere il domani della Gran Loggia".

Forza Nuova Montesilvano, con il segretario Marco Forconi, esprime però la massima contrarietà in merito all'evento, ed annuncia una contromanifestazione.

"La sezione cittadina di Forza Nuova nutre profondo sconcerto e disgusto in relazione al convegno che una loggia massonica, pecisamente la Gran Loggia d'Italia, dovrebbe tenere a Montesilvano il prossimo 21 marzo. Non è, purtroppo, la prima volta che la città ospita tali tipi di eventi e questo ci porta a pensare che il luogo prescelto non sia casuale.
Così come accadde per il 2008, qualche mese prima delle elezioni regionali, ritroviamo una branchia della massoneria a presenziare a distanza di alcune settimane dalla amministrative di Chieti e L'Aquila. Coincidenza? una volta passi, due volte ci lascia qualche dubbio in proposito.

Gli intrecci fra massoneria, imprenditoria e politica sono oramai una realtà ben chiara ed una costante nella regione Abruzzo: basti pensare a tutte le inchieste che hanno coinvolto, a più livelli, grossi esponenti di partito o rappresentanti dele istituzioni, causando terremoti politici ed ondate di arresti e dove, la massoneria, pare abbia giocato un ruolo non di second'ordine.
Spiace constatare che fra le forze politiche l'unica a sollevare una questione morale ed etica in tal senso sia solo Forza Nuova. Ce ne faremo una ragione, pronti a manifestare tutto il nostro più completo dissenso, anche radicalmente "
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento