Politica

Diversamente abili esclusi dal bando del progetto “Lo Sport non va in vacanza”, la denuncia di Pignoli

Il capogruppo dell'Udc auspica "la presenza dell’assessore nella Commissione da me richiesta al fine di prevedere la possibilità di far fare le domande ai diversamente abili o far sì che alle domande stesse sia riservato un punteggio maggiore"

Il capogruppo comunale dell’Udc Pignoli denuncia che i diversamente abili sono stati esclusi dal bando del progetto “Lo Sport non va in vacanza”, e per tale motivo ha sollecitato la convocazione urgente delle Commissioni Sport e Politiche Sociali per chiamare a riferire l’assessore Patrizia Martelli sul perché di questa decisione: “Chiedo di provvedere a correggere quella che ritengo una grave mancanza”, dice Pignoli.

“Credo si tratti - prosegue - di una grossa lacuna su un bando così importante e che vuole favorire oltre che la pratica sportiva, anche l’inclusione sociale dei nostri ragazzi nel periodo estivo quando le scuole sono chiuse. Ebbene non aver previsto nel bando dello Sport non va in vacanza una quota per i diversamente abili, ritengo sia una manchevolezza a cui bisogna porre rimedio sin da subito”.

Per questo Pignoli auspica "la presenza dell’assessore nella Commissione da me richiesta al fine di prevedere la possibilità di far fare le domande ai diversamente abili o far sì che alle domande stesse sia riservato, in base alle quote previste per legge, un punteggio maggiore proprio per quelle categorie svantaggiate che hanno diritto ad avere la precedenza in quota parte su una parte dei posti disponibili".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diversamente abili esclusi dal bando del progetto “Lo Sport non va in vacanza”, la denuncia di Pignoli

IlPescara è in caricamento