Martedì, 18 Maggio 2021
Politica

Digitalizzazione burocrazia: la Provincia di Pescara fa la "formica"

La Provincia di Pescara ha risparmiato circa 9 mila euro lo scorso anno grazie alla dematerializzazione e digitalizzazione della burocrazia sia interna che verso i cittadini

Dal 22 marzo 2012 la Provincia di Pescara ha avviato il processo di dematerializzazione della burocrazia, con un risparmio di ben 8.938,83 euro rispetto all'anno precedente.

Lo ha fatto sapere il Presidente Testa, a margine di un convegno riguardante proprio la digitalizzazione della burocrazia nella Pubblica Amministrazione.

In questo modo, aumenta l'efficienza e soprattutto l'ente è in grado di tagliare costi inutili, come ad esempio nel caso della spedizione di raccomandate e lettere: le spedizioni mediante raccomandata sono diminuite del 38% e quelle mediante posta prioritaria del 21%. Nel solo mese di gennaio 2013 inoltre, la spesa è diminuita del 41% rispetto al mese di gennaio dell’anno precedente.

Un dato che lascia intuire come il risparmio netto crescerà in modo sensibile nei prossimi mesi ed anni. Testa ha ricordato che il risparmio non interessa solo la documentazione interna, ma anche quella verso i cittadini, che possono ottenere documenti, certificati e comunicazioni direttamente via posta elettronica grazie alla firma digitale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Digitalizzazione burocrazia: la Provincia di Pescara fa la "formica"

IlPescara è in caricamento