rotate-mobile
Politica Pineta Dannunziana

La denuncia del consigliere Di Renzo (M5s): "No al taglio delle radici degli alberi in zona pineta per il rifacimento dell'asfalto"

Il consigliere comunale pentastellato, assieme ai colleghi, chiede la sospensione dei lavori approvati dall'amministrazione Masci che prevedono interventi con il taglio delle radici dei pini e il rifacimento dell'asfalto in 10 strade attorno alla pineta dannunziana. "Grave danno ambientale e il problema non verrà nemmeno risolto"

No al taglio delle radici dei pini nella zona attorno alla pineta dannunziana, che provocherà un danno al verde e non risolverà il problema dell'asfalto sollevato. A dirlo il consigliere comunale del M5s Massimo Di Renzo che, assieme ai colleghi pentastellati, denuncia l'approvazione da parte dell'amministrazione Masci dei lavori di rifacimento del manto stradale in una decina di vie limitrofe alla riserva naturale fra cui via Scarfoglio, per un costo complessivo di circa 2,2 milioni di euro.

"Gli emendamenti da noi presentati per chiedere una sospensione dei lavori sono stati tutti rigettati e qualche giorno fa il cantiere è stato approvato e inserito nel dup. Le strade interessate sono 11 e si prevede la scarificazione dell'asfalto e soprattutto il taglio delle radici dei pini presenti in quella zona. Questa operazione provocherà un danno ambientale in quanto gli alberi senza radici potrebbero essere a rischio crollo: per questo verranno fatte anche delle prove di trazioni e per le piante che risulteranno deboli scatterà forse l'abbattimento. Fra l'altro questi interventi non saranno nemmeno risolutivi: gli alberi che verranno lasciati in piedi, infatti, col tempo faranno ricrescere le radici e fra qualche anno si riproporrà nuovamente il problema dell'asfalto irregolare o rialzato".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La denuncia del consigliere Di Renzo (M5s): "No al taglio delle radici degli alberi in zona pineta per il rifacimento dell'asfalto"

IlPescara è in caricamento