rotate-mobile
Politica

Di Primio: "Taxi di Chieti all'aeroporto, scarsa collaborazione del Comune di Pescara"

Dal prossimo 27 giugno i tassisti di Chieti effettueranno servizio presso l'aeroporto d'Abruzzo con auto munite di apposito contrassegno ai fini della loro identificazione. Lo ha comunicato il sindaco del capoluogo teatino

Dal prossimo 27 giugno i tassisti di Chieti effettueranno servizio presso l'aeroporto d'Abruzzo con auto munite di apposito contrassegno ai fini della loro identificazione. E opereranno con due auto nel rispetto della legge quadro n. 22/92 e del regolamento comunale. Lo ha comunicato il sindaco del capoluogo teatino, Umberto Di Primio, in una lettera inviata all'Enac, alla Saga, alla Polizia aeroportuale e ai Prefetti e ai Questori di Chieti e di Pescara.

Di Primio, dopo aver di nuovo evidenziato ''la palese violazione dei diritti dei tassisti teatini con licenza rilasciata dal Comune di Chieti di prestare servizio presso l'Aeroporto d''Abruzzo'', sottolinea come, ad oggi, non sia stato possibile chiudere l'accordo sulla presenza dei tassisti di Chieti all'interno dello scalo aeroportuale ''a causa della scarsa collaborazione del Comune di Pescara e della omissiva condotta della Regione Abruzzo''.

''Viste le dichiarazioni ostili rilasciate ai giornali dai rappresentanti dell'Uritaxi - dice ancora Di Primio - nonché gli episodi di violenza già verificatisi in passato, ho ritenuto di dover informare anche i Prefetti di Chieti e Pescara e i Questori al fine di tutelare i diritti dei nostri tassisti''.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Primio: "Taxi di Chieti all'aeroporto, scarsa collaborazione del Comune di Pescara"

IlPescara è in caricamento