rotate-mobile
Politica Rancitelli

Abbattimento del Ferro di Cavallo, Masci: "Siamo stati di parola"

Le dichiarazioni del sindaco di Pescara sulla delibera assunta dal consiglio comunale: "Quando sarà il momento del primo colpo, io sarò lì"

Il sindaco di Pescara, Carlo Masci, interviene sulla delibera per autorizzare l’abbattimento totale del Ferro di Cavallo, che è stata assunta oggi dal consiglio comunale. Un provvedimento che, afferma il primo cittadino, «corona l’impegno assunto nell’affrontare e risolvere un’annosa situazione di degrado sociale che mortifica i residenti onesti e l’intera città. Lo avevamo annunciato pubblicamente nel 2020 e siamo stati di parola nel venire incontro alle istanze dei pescaresi perbene residenti in quel quartiere». 

In questa vicenda, evidenzia con orgoglio Masci, l’amministrazione «si è mossa in piena sinergia con Regione e Ater, in primo luogo attraverso la modifica della legge regionale per sfrattare chi aveva riportato condanne penali; quindi abbiamo riqualificato un centinaio di appartamenti dell'Ater, che erano abbandonati da decenni, e in queste case abbiamo trasferito dal Ferro di Cavallo le famiglie che avevano diritto all’alloggio. Seguendo una linea operativa strategica e per tappe, abbiamo provveduto a liberare gli appartamenti occupati abusivamente e sfrattato le famiglie che non avevano più titolo per detenerli». 

Infine il sindaco detta il cronoprogramma per il futuro: «Tra qualche mese, finalmente, procederemo all’abbattimento della struttura che era diventata un simbolo negativo del quartiere e della città, nell’ambito di un più vasto e articolato piano di recupero e riqualificazione delle periferie. Non posso nascondere di essere rammaricato, come sindaco di tutti i pescaresi, del voto contrario delle opposizioni alla delibera che segna un nuovo modo di intendere fattivamente la politica per il bene comune». 

Masci, poi, conclude: «Questa è una sfida che tutti insieme dobbiamo vincere per Pescara, per renderla migliore, ancora più vivibile e accogliente. Nessuno prima di noi aveva pensato di cancellare dal panorama il Ferro di Cavallo, autentico monumento al degrado e metastasi urbanistica e sociale, per ridisegnare la zona. Quando sarà il momento del primo colpo dell’abbattimento, io sarò lì. Quel colpo sarà il primo atto concreto di un sogno che si sta avverando grazie all’impegno, alle idee e al lavoro per conseguire un risultato a vantaggio di tutti».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbattimento del Ferro di Cavallo, Masci: "Siamo stati di parola"

IlPescara è in caricamento