Venerdì, 17 Settembre 2021
Politica Ospedale / Via Rigopiano

Rifiuti dai balconi e allacci abusivi alle utenze negli alloggi popolari di via Rigopiano

A denunciare nuovamente la situazione di degrado vissuta dai residenti della zona è il vice presidente del consiglio regionale, Domenico Pettinari del Movimento 5 Stelle

Situazione complicata per i residenti delle case di edilizia popolare di via Rigopiano e largo della Portella a Pescara.
Un gruppo di residenti ha incontrato il vice presidente del consiglio regionale, Domenico Pettinari del Movimento 5 Stelle, per rappresentare le problematiche vissute.

Tra queste i rifiuti gettati dai balconi e gli allacci abusivi alle utenze.

Pettinari lancia un appello al sindaco Carlo Masci e al presidente della giunta regionale, Marco Marsilio.

Questo il quadro della situazione fornito dai cittadini: immondizia buttata dalle finestre, pezzi di vetro, rifiuti, cibo, materiali di risulta e anche urina sui balconi sottostanti. Il tutto nell’impossibilità di ribellarsi a chi quotidianamente si macchia di queste azioni. E come se non bastasse questo a minare la serenità del rione si registrano utenze abusive allacciate ai contatori pubblici, minacce e aggressioni. 

“Bisogna intervenire subito", spiega Pettinari, "parliamo di case Ater, di proprietà della Regione Abruzzo che devono essere controllate anche dal Comune di Pescara. A oggi in questo quartiere, grazie al mio continuo impegno e all’intervento pressante sugli organi preposti, sono state già sgomberate circa 15 famiglie di abusivi, e tra loro vi erano alcuni già noti alle forze dell'ordine. Tanto è stato fatto, ma ancora non basta e il rischio di ripiombare nelle situazioni che si registravano negli anni più bui è altissimo. Di situazioni al limite se ne registrano, infatti, ancora molte: ci sono ancora occupanti abusivi o comunque persone che risiedono qui senza averne diritto. Basta vedere gli allacci delle utenze per capire quanti sono gli appartamenti in cui luce, acqua e gas vengono portati in maniera illegale allacciandosi ad altri contatori di onesti cittadini o addirittura agli allacci pubblici. Il gas abusivo, inoltre, rappresenta un rischio per la sicurezza visto che le bombole, in alcuni casi, sono lasciate fuori ai balconi al sole e rischiano di scoppiare. Quella degli allacci abusivi è una pratica consolidata degli occupanti senza averne diritto, eppure basterebbe che il Comune avviasse le dovute verifiche e i controlli necessari per porre fine a questo sopruso. La legge regionale 96/96 mette a disposizione dei comuni tutti gli strumenti per poter agire in tal senso ma non si capisce bene perché la norma non viene applicata pedissequamente. Nel quartiere, inoltre, continuano ad aggirarsi soggetti violenti, che portano con loro armi di fortuna e minacciano la serenità dei condomini. Soprattutto di quei cittadini onesti e più deboli. Il tutto in una cornice in cui l’immondizia è diventata protagonista incontrastata. Ci sono alcuni soggetti che lanciano, per dispetto o per inciviltà, materiali di ogni tipo dai balconi rendendo i cortili interni o i balconi dei condomini sottostanti delle vere e proprie cloache in cui ogni norma igienico sanitaria viene dimenticata. Io sarò sempre qui quando i cittadini chiederanno l’intervento delle istituzioni, ma le azioni risolutrici può metterle in campo solo chi siede nei banchi della maggioranza di Comune e Regione. Una cosa è certa, noi non smetteremo di ricordargli di fare la cosa giusta per la città”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti dai balconi e allacci abusivi alle utenze negli alloggi popolari di via Rigopiano

IlPescara è in caricamento