Giovedì, 18 Luglio 2024
Politica

D'Incecco (Lega) sulla tutela dell'arrosticino: "Serve una scelta condivisa coinvolgendo anche il ministero"

Il capogruppo della Lega in consiglio regionale Vincenzo D'Incecco interviene in merito al dibattito che si è acceso per la scelta del tipo di marchio da richiedere per la tutela dell'arrosticino abruzzese

Per la tutela dell'arrosticino serve una scelta condivisa e senza divisioni. A dirlo Vincenzo D'Incecco, capogruppo regionale della Lega che si inserisce nell'acceso dibattito riguardante la tipologia di marchio da scegliere, ovvero Igp o Dop:

“L'arrosticino è un prodotto d'eccellenza dell'Abruzzo che va tutelato e valorizzato, senza scontri e divisioni. Per questo chiedo al più presto un tavolo di discussione con Masaf, produttori e allevatori locali così da avere un quadro esatto della situazione del settore, di quelli che sono i problemi, le priorità e le esigenze, e arrivare quindi, attraverso un percorso il più possibile condiviso, alla scelta fra il marchio Dop, Denominazione di origine protetta, e quello Igp, Indicazione geografica protetta, per cui è già in corso da anni la fase istruttoria per il riconoscimento”.

D'Incecco prosegue:

“Quello degli arrosticini deve diventare sempre di più un comparto trainante per la nostra regione. Compreso l'indotto, attualmente muove un giro d'affari sopra il miliardo di euro. Sono inoltre tra i 12 e i 15 mila i lavoratori impiegati in questo ambito; oltre 2.500 sono invece le attività di ristorazione interessate. Una settantina le aziende di produzione. L'obiettivo deve essere ora quello di rafforzarne le potenzialità, di difendere e far crescere non una parte soltanto, ma l'intero settore. Per questo riteniamo che oggi sia più realistico continuare nel percorso già avviato da tempo, gettando le basi per conseguire in futuro più ambiziosi risultati. Di qui il mio appello a costituire un tavolo di lavoro politico per fare sintesi e decidere insieme come tutelare al meglio uno dei simboli dell'enogastronomia abruzzese”. Ricordiamo che Coldiretti Abruzzo ha ribadito proprio in questi giorni la sua posizione a favore della Dop, spiegando che è l'unico marchio che tutela il consumatore e i produttori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

D'Incecco (Lega) sulla tutela dell'arrosticino: "Serve una scelta condivisa coinvolgendo anche il ministero"
IlPescara è in caricamento