Martedì, 16 Luglio 2024
Politica

D'Alfonso (Pd) sulle pre-liste di attesa pone 6 domande ai direttori generali della Asl

Il deputato del Pd, Luciano D'Alfonso, risponde alla nota diffusa dai direttori generali delle Asl abruzzesi

Sono in totale 6 le domande che il deputato del Pd, Luciano D'Alfonso, fa ai direttori generali delle Asl abruzzesi.
«Ho letto la replica dei direttori generali delle Asl abruzzesi al mio allarme sulla presenza di preliste di attesa per le prestazioni sanitarie. Detto che sembra scritta con Chat Gpt, sorgono spontanee alcune domande».

Queste le domande: «Il meccanismo delle pre-liste è conosciuto dall’Asr (agenzia sanitaria regionale)? Quando l’Asr ha comunicato al ministero della Salute i dati delle liste, ha inoltrato anche i dati delle pre-liste? Qual è la motivazione di questo escamotage? Non sarà mica che serve ad “agganciare” il cittadino per evitare che vada in altre strutture, magari fuori regione? Tra gli uffici pubblici vige il principio di leale collaborazione; si può definire tale l’aver nascosto dei dati? Se i dati vengono nascosti, che organizzazione c’è a valle? Ma soprattutto: come è organizzata la capacità di risposta sulla domanda di diagnostica?».

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Così conclude D'Alfonso: «In attesa di avere un chiarimento, magari scritto senza Chat Gpt, su questi punti, prendo atto del fatto che i direttori generali delle Asl non hanno negato l’esistenza delle pre-liste. Dunque da oggi gli abruzzesi ne sono a conoscenza e devono sapere - quando chiedono una prestazione sanitaria - se sono finiti nelle liste o nelle pre-liste. Sarebbe interessante sapere cosa dicono al riguardo il richiamato assessore regionale alla sanità e il presiedente della Regione Abruzzo, uscita dal commissariamento della sanità nel 2016. Con questo gioco delle tre carte, dubito che sarebbe possibile far riaccadere oggi il notevole superamento del doloroso commissariamento. Anche con la vicenda del tapis-roulant di liste e pre-liste, si conclama che conviene dire la verità e dirla a tempo debito, producendo numeri-verità poiché comunicati all’acqua Sangemini - come succede oggi - non aggiustano niente e non fanno regali, se non riaffermare che organizzare i diritti non è un gioco». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

D'Alfonso (Pd) sulle pre-liste di attesa pone 6 domande ai direttori generali della Asl
IlPescara è in caricamento