Politica

Crisi in Comune, Mascia & Co. gettano acqua sul fuoco

Il sindaco Mascia ed i consiglieri Sospiri e Foschi del Pdl gettano acqua sul fuoco in merito alla decisione dell'Udc di uscire dalla maggioranza. "Ascolteremo le loro richieste"

Gettano acqua sul fuoco della crisi politica il sindaco Mascia e i consiglieri Pdl Foschi e Sospiri.

Ieri, infatti, l'Udc con una lettera ufficiale aveva comunicato l'intenzione di uscire dalla maggioranza di governo, sottolineando come l'assessore Serraiocco non rappresenti più la volontà politica del partito.

Il sindaco ha sottolineato come l'Udc fino ad ora sia stato sempre leale e fedele, ed ha annunciato un vertice per il prossimo 8 gennaio, preceduto da un incontro dei coordinatori provinciali Udc e Pdl per domani, 19 dicembre.

Mascia è fiducioso e ascolterà attentamente le richieste del partito di Casini. "Riteniamo opportuno calmare i clamori e gli entusiasmi di coloro che pensano di poter vedere nelle affermazioni odierne dell’Udc la caduta dell’amministrazione comunale.  In realtà, nonostante i voli pindarici delle ‘cassandre’ di turno, tale posizione non ritengo sia il preludio di una crisi, piuttosto è semplicemente la richiesta di attenzione su quelle che sono preoccupazioni comuni non solo alla nostra amministrazione comunale, ma piuttosto all’intera regione e al Paese perché non possiamo dimenticare che la crisi economica di cui parlava oggi il capogruppo Dogali è una crisi planetaria che certo non può essere imputata a un singolo Comune. Pescara a oggi è la città che può vantare l’Imu più bassa d’Italia" ha sottolineato Mascia, ricordando che non c'è stato alcun aumento delle tasse comunali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi in Comune, Mascia & Co. gettano acqua sul fuoco

IlPescara è in caricamento