I numeri del Covid in Abruzzo preoccupano il M5s, Marcozzi: "La Regione risponda alle nostre domande"

La capogruppo alla Regione del M5s chiede alla giunta Marsilio di conoscere i provvedimenti e le azioni fatte in vista di una possibile seconda ondata di contagi

Con i numeri che continuano a salire in Abruzzo per quanto riguarda i contagi da Covid, servono risposte chiare dalla giunta regionale sulle misure adottate per affrontare una possibile seconda ondata di ricoveri e malati. La richiesta arriva dalla capogruppo alla Regione Marcozzi del M5s, che esprime preoccupazione per l'andamento della pandemia che dopo qualche mese di tregua sembra ritornare con più forza anche nella nostra Regione.

Secondo la Marcozzi, la Regione non ha diffuso alcun piano per aumentare il numero dei tamponi sul territorio, nè un protocollo in caso la situazione dovesse peggiorare, nonostante le richieste fatte dai consiglieri pentastellati

La verità, però, è che la gestione della sanità a livello territoriale è una responsabilità esclusiva di Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia, che ancora oggi non fanno chiarezza nemmeno su quale sia la capacità di tamponamento in regione. Quanti tamponi è in grado di fare Regione Abruzzo al giorno? Quali sono i tempi per poterne effettuare uno?

E quanto bisogna aspettare per avere la comunicazione del risultato? Tutte domande a cui nessuno dal centrodestra abruzzese è ancora stato in grado di rispondere, così come non sappiamo nemmeno come abbiano intenzione di agire se dovesse esserci un ulteriore peggioramento. Sono previste chiusure o altri interventi? Tutto tace”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Marcozzi invita la giunta Marsilio a rimanere ancorata alla realtà piuttosto che alla propaganda politica, e servirebbe un'analisi seria dei dati e della situazione sul fronte delle strutture sanitarie e di tutto il sistema regionale della salute, con la prevenzione e velocità di reazione che sono e saranno fondamentali in caso di nuove fasi d'emergenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vigilessa di Pescara Monica Campoli protagonista a "Forum" [VIDEO]

  • Il Lotto premia l'Abruzzo: grande vincita ad Avezzano

  • Nuovo Dpcm, scatta la protesta a Pescara: corteo da piazza Muzii fino al Comune

  • Coronavirus, Marsilio sulle possibili chiusure in Abruzzo: "Non lo escludo ma si lavora giorno per giorno"

  • Coronavirus, Marsilio firma nuova ordinanza: "Didattica a distanza per scuole superiori e università"

  • Maxi frode e corruzione all'Uoc di Cardiochirugia di Chieti: arresti anche a Pescara

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento