rotate-mobile
Politica

A oltre mille alunni delle primarie il libro "Italiani o it-alieni?": il rispetto della Costituzione passa per l'essere dei buoni cittadini

Il testo che sarà messo a disposizione di docenti e studenti tratta proprio della cittadinanza attiva e la sua consegna è l'atto finale di un progetto educativo promosso dall'amministrazione

Sarà consegnato a 1.060 alunni e alunne degli istituti comprensivi della città il libro “Italiani o it-alieni” . Un libro sulla cittadinanza attiva che hanno gi conosciuto nel corso dell'incontro del 12 maggio al Teatro Massimo con Roberto Alborghetti e la cui consegna rappresenta l'atto finale di un progetto culturale ed educativo promosso dall'amministrazione. Il testo sarà così sempre a disposizione di docenti e studenti delle quinte.

Al centro del progetto promosso, spiega il vicesindaco e assessore alla pubblica istruzione Gianni Santilli, “sono state poste questioni di grande rilievo come il clima, l’ambiente, la sicurezza e finanche l’uso corretto dei telefonini, che riguardano, e molto, proprio le nuove generazioni. Il mio auspicio è proprio quello di vedere i più giovani maggiormente aperti alla riflessione e al confronto responsabile su questioni che in un futuro prossimo saranno per loro di vitale importanza. Voglio anche ringraziare i docenti per avere sostenuto questa idea e questo progetto perché – aggiunge - dalle azioni che mettiamo in campo oggi dipende la possibilità di aiutare i bambini e i ragazzi di oggi a divenire adulti maturi e consapevoli”.

Il volume in sostanza spiega perché è importante diventare “buoni cittadini” per rappresentare la cultura millenaria del nostro Paese facendo leva su valori come la legalità, il rispetto delle regole della civile convivenza, la tutela dell'ambiente e la cura dei beni pubblici.

Saranno il sindaco Carlo Masci, il presidente del consiglio comunale Marcello Antonelli e lo stesso Santilli giovedì primo giugno a consegnare i volumi in due delle scuole coinvolte e cioè l’istituto Comprensivo 5 di via Gioberti e al comprensivo 8 di via del Concilio.

Come ha scritto Antonio De Caro nelle vesti di presidente dell’Anci (Associazione nazionale Comuni italiani) “nel libro 'Italiani o it-alieni?' si prova a suggerire come vivere ogni giorno, partendo dai piccoli gesti quotidiani, la nostra Costituzione: il libro per eccellenza, il punto di partenza per poter essere dei buoni cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A oltre mille alunni delle primarie il libro "Italiani o it-alieni?": il rispetto della Costituzione passa per l'essere dei buoni cittadini

IlPescara è in caricamento