rotate-mobile
Politica

Via all'evento FdI in una città blindata, il presidente Marsilio: "L'Abruzzo ricuce l'Italia e unisce sud e nord"

Dal 26 al 28 aprile saranno presenti 135 relatori e 2mila 200 delegati del partito con l'evento clou previsto per domenica quando sul palco ci sarà la premier Giorgia Meloni. Tra i primi interventi quello del presidente della Regione che torna sul tema dell'autonomia differenziata

Si è aperta oggi la conferenza programmatica “L'Italia cambia l'Europa” di Fratelli d'Italia a Pescara. Blindata la città con i divieti scattati in centro e sul lungomare in occasione dell'evento che in città porterà complessivamente 135 relatori e 2mila 200 delegati e che vedrà coinvolti 150 volontari di Gioventù Nazionale e sul quale non poche sono state le polemiche per la location scelta: la spiaggia libera dietro la Nave di Cascella. 

Tanti i temi nazionali al centro degli interventi già snocciolati, con la giornata aperta dal sindaco Carlo Masci, esponente di Forza Italia e ricandidato con il sostegno di tutta la coalizione alle comunali dell'8 e il 9 giugno, e che ha visto anche l'intervento del deputato abruzzese FdI Guerino Testa e del senatore e coordinatore regionale del partito Etelwardo Sigismondi e del presidente della Regione Marco Marsilio.

Marsilio che, come riporta l'agenzia di stampa Dire, ha definito l'Abruzzo come la regione che “ricuce l'Italia. Nell'era in cui si discute e in parlamento si stanno votando gli emendamenti sull'autonomia differenziata, con la discussione politica sulla distanza che può incrementarsi tra nord e sud, l'Abruzzo è la regione che unisce al centro il nord e il sud e ricuce questa frattura”.

“La vera differenza che c'è oggi tra nord e sud del Paese sono le infrastrutture - ha aggiunto Marsilio- perché non è accettabile che ci sono luoghi d'Italia dove 300 chilometri di treno si percorrono in un'ora e altri luoghi dove non bastano tre ore e mezzo per percorrerne 200. È questa la vera distanza che va colmata e che va rimessa insieme. Metteteci nelle stesse condizioni e il Sud non ha niente da invidiare a nessuno. L'unità nazionale e il valore della patria si sostanziano realizzando queste riforme e creando le condizioni che permettono a tutti gli italiani di sentirsi cittadini di serie A e di avere tutti gli stessi diritti”.

Quanto alle europee “dobbiamo accompagnare Giorgia Meloni e Fratelli d'Italia nella missione storica di creare un'Europa più forte, migliore, che fa il bene dei popoli europei. È quella che noi vogliamo costruire – ha concluso - e che costruiremo partendo da Pescara”.

“Questo è un appuntamento importante per l'Italia intera. Giorgia Meloni traccia la rotta per le elezioni europee. Ora lanciamo la nostra sfida all'Ue”, ha detto Masci salutando i presenti.

“Ci apprestiamo l`8 e 9 giugno a vincere e Fratelli d'Italia partendo da Pescara traccerà la rotta di una nuova Europa, che non farà rimpiangere i padri che l`hanno voluta – ha quindi detto Testa come riportano le agenzie di stampa -. Questa è l`Europa che vogliamo e grazie a Fratelli d'Italia e ai conservatori tutto questo sarà possibile”, ha aggiunto ricordando la vittoria alle regionali di Marco Marsilio che ha centrato lo storico risultato del doppio mandato. “Quando le cose che si dicono in campagna elettorale poi vengono realizzate sono i cittadini a dartene merito nelle urne. Così è successo per il governatore Marco Marsilio, riconfermato in Regione. In 18 mesi Meloni ha fatto tornare l'Italia al centro del panorama internazionale, grazie a un governo capace che attua le riforme”, ha concluso Testa con Sigmondi che ha ribadito il concetto sottolineando che “questi tre giorni saranno utili a gettare le basi per idee che non cambieranno solo l'Italia ma l'intera Europa. Esporteremo in Ue il modello italiano”. .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via all'evento FdI in una città blindata, il presidente Marsilio: "L'Abruzzo ricuce l'Italia e unisce sud e nord"

IlPescara è in caricamento