Domenica, 21 Luglio 2024
Politica

Concessioni balneari, la replica del sindaco Masci: "Faremo il possibile per salvare chi lavora per il mare"

Il primo cittadino interviene sulla direttiva Bolkestein dopo la proposta lanciata dal consigliere Carlo Costantini. "Lavoriamo in sinergia con il Governo e con la Regione per tutelare le imprese balneari".

Il futuro delle concessioni demaniali marittime accende il dibattito politico, a Pescara. Il sindaco Carlo Masci replica al consigliere comunale Carlo Costantini, che ha lanciato la sua proposta sulla «salvaguardia delle imprese balneari locali, attraverso azioni concrete, vista anche la bocciatura da parte dell'Autorità garante del Mercato e della Concorrenza alla proroga». Il primo cittadino annuncia il lavoro sinergico avviato con il governo e con la Regione. Poi ribadisce: «sulla Bolkestein faremo tutto ciò che si deve fare, tutelando al massimo le imprese balneari pescaresi che hanno contribuito attivamente, per decenni, a far crescere l'economia balneare e turistica della città e, quindi, a fare della nostra Pescara ciò che è oggi».

E aggiunge: «il tono di Costantini non cambia, nonostante le sue idee e i suoi modi siano stati bocciati dai pescaresi alle ultime elezioni amministrative: contesta tutto e pare avere una soluzione per qualsiasi cosa, un po' come ha fatto durante la campagna elettorale quando illudeva i pescaresi che avrebbe riportato in due giorni il mercato sulla strada parco, sostituendo la filovia con la ferrovia. Ora si occupa di Bolkestein, dando lezioni al Comune di Pescara e, deduco, a tutti i comuni costieri. Non si rende conto che tutti si trovano ad affrontare la stessa identica questione e cioè come salvaguardare le imprese balneari tenendo conto di una normativa che fa discutere dal 2006 e che ha comportato continui palleggiamenti, oltre che una lunghissima sequela di sentenze, a tutti i livelli. Il Comune di Pescara, stia pur certo Costantini, non si gira i pollici e si muove in sintonia con la Regione Abruzzo e con il Governo nazionale che ha annunciato un provvedimento da estendere a tutte le amministrazioni interessate, per tutelare le imprese balneari italiane. La Regione, invece, ha dato vita a un tavolo tecnico ed è in via di elaborazione un bando tipo».

Al di là delle procedure da seguire, per il sindaco Masci «la priorità era e resta la salvaguardia della storia, del patrimonio e della ricchezza che le città costiere hanno costruito nel tempo attraverso il lavoro puntale delle imprese balneari curando le nostre spiagge con impegno. Sono loro, le imprese, il valore aggiunto delle nostre città, grazie ai servizi che forniscono e che ci hanno consentito anche di aggiudicarci la Bandiera Blu, da quattro anni».

«Non ci discosteremo un solo istante da quanto detto in campagna elettorale, schierandoci accanto a chi lavora per il mare, ma è giusto farlo con norme precise, uscendo dalla confusione totale che regna nel settore», sottolinea. «Vogliamo evitare che si impossessino delle nostre spiagge quei potentati finanziari che puntano solo a fare business».

Poi conclude: «a Pescara il mare non è solo economia ma è vita, cultura, identità.  E la sua difesa, con tutto ciò che c'è dietro il mare, è una priorità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concessioni balneari, la replica del sindaco Masci: "Faremo il possibile per salvare chi lavora per il mare"
IlPescara è in caricamento