rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Politica

Comune, mancata dichiarazione Iva per il 2017: persi 120 mila euro?

A sollevare il caso il consigliere comunale del M5S Di Pillo che accusa l'amministrazione comunale di non aver stilato la dichiarazione per i movimenti Iva necessaria per riscuotere il relativo credito

Il Comune di Pescara omette la dichiarazione Iva per il 2017, perdendo così 120 mila euro di crediti.È quanto dichiara il consigliere comunale del M5S Di Pillo che parla di una mancanza gravissima e che andrà a ricadere ancora una volta sulle tasche dei cittadini per colpa di un'inadempienza inaccettabile.

Di Pillo sottolinea come l'amministrazione comunale sia interessata più alle corse elettorali in arrivo nei prossimi mesi che ai bilanci e conti della macchina pubblica cittadina:

"Nonostante il parere del Collegio sindacale n.16 del 17 dicembre 2018, dove si fa riferimento al parere n.12 del 5 dicembre 2018 in cui gli stessi non davano parere favorevole alla variazione di bilancio, si è preferito che l’entrata derivante dal credito IVA, si tramutasse in entrata previsionale per la TARI, derivante da accertamenti proprio per 117.704,50 e per interesse sugli accertamenti per 2843,41, che guarda caso fa proprio 120.547,91, proprio l’importo del credito IVA. Con 120.000€ avremmo potuto riparare buche o magari ripristinato le tante strisce pedonali che in città ormai sono scomparse da anni, ed invece per l’ennesima volta soldi pubblici spariscono nel nulla, speriamo semplicemente per meri errori materiali."

Di Pillo annuncia inoltre la possibilità di presentare un esposto alla Corte dei Conti per danno erariale al fine di individuare i responsabili di questa macanza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, mancata dichiarazione Iva per il 2017: persi 120 mila euro?

IlPescara è in caricamento