Politica

"Pescara ha memoria", ricordati i bombardamenti del 14 settembre 1943

Amministrazione comunale e Anpi insieme. Rinnovato il simbolico 'gemellaggio' con Pisa. Il presidente del consiglio comunale Pagnanelli: "Vogliamo coltivare la memoria dei tanti che morirono sotto quelle bombe"

Tramandare anche alle nuove generazioni il valore del ricordo. Va anche in questo senso "Pescara ha memoria", la cerimonia che si è svolta questa mattina nella sala consiliare di Palazzo di Città per ricordare i bombardamenti del 14 settembre del 1943 nel capoluogo adriatico e commemorare le vittime.

Alla presenza degli studenti del Liceo Classico D'Annunzio e della Media Pascoli, è stato rinnovato anche il simbolico gemellaggio con Pisa, città bombardata così come Pescara negli stessi giorni.

"Vogliamo ritornare ad allora - ha detto il presidente del consiglio comunale Francesco Pagnanelli - per coltivare la memoria dei tanti che morirono sotto quelle bombe e che oggi abbiamo onorato con la visita al sacrario dedicato alle vittime civili dei bombardamenti. Lo facciamo con i compagni di viaggio di sempre, l'Anpi, con cui questa celebrazione è nata e soprattutto con i giovani, perché raccolgano un testimone che arriva dai loro nonni, padri, concittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Pescara ha memoria", ricordati i bombardamenti del 14 settembre 1943

IlPescara è in caricamento