Politica

Il deputato pescarese Colletti porta in parlamento il caso dei documenti rubati alla Corte d'appello e distrutti

Il parlamentare fa riferimento all'arresto di Daniela Lo Russo accusata di aver rubato dei fascicoli a suo carico per poi bruciarli e distruggerli

Il caso dei documenti rubati dalla corte d'appello dell'Aquila e distrutti finisce in parlamento. Il deputato pescarese Andrea Colletti (L'Alternativa c'è) ha infatti depositato un'interrogazione al Ministro della Giustizia in riferimento all'arresto di Daniela Lo Russo, la donna condannata a 13 anni e 8 mesi in primo grado per il tentato omicidio del marito, finita in carcere in quanto accusata di aver rubato e poi distrutto dalla sede della corte dei fascicoli giudiziari a suo carico.

Proprio la corte d'appello Aquilana dovrà decidere sul ricorso presentato dai suoi legali per la condanna in primo grado:

“Nonostante le tempestive indagini delle forze dell’ordine che, anche grazie alle immagini delle videocamere di sorveglianza, sono subito riuscite a ricostruire l’accaduto  mi chiedo come sia possibile entrare negli uffici di un Tribunale per visionare degli atti e portare via i fascicoli indisturbati, per poi distruggerli. Si pone una importante questione di sicurezza e vigilanza all’interno degli uffici giudiziari. Su quanto accaduto e su questi aspetti il ministro deve fornire subito dei chiarimenti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il deputato pescarese Colletti porta in parlamento il caso dei documenti rubati alla Corte d'appello e distrutti

IlPescara è in caricamento