menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiazza in mare, Pescara Mi Piace attacca il vicesindaco: "E' diventato un veggente"

E' bastata una nuova chiazza marrone in mare a largo di Pescara per riaccendere le polemiche fra maggioranza ed opposizione. Dopo le rassicurazioni di Del Vecchio, Pescara Mi Piace contrattacca: "E' diventato un veggente?"

Pescara Mi Piace contrattacca e dopo aver denunciato la presenza di una chiazza marrone a largo delle acque cittadine ed aver incassato la replica del vicesindaco Del Vecchio, ironizza proprio sul ruolo del braccio destro di Alessandrini.

“Il vicesindaco Del Vecchio continua a manifestare delle doti di preveggenza da far impallidire anche Nostradamus: mentre la cittadinanza si preoccupa per quella chiazza marrone che per due giorni ha raggiunto la nostra costa dal fiume, mentre la Capitaneria si preoccupa di eseguire i prelievi che l’Arta solo domani, ossia con la riapertura dei propri laboratori, comincerà ad analizzare per verificare la natura di quella chiazza, il vicesindaco Del Vecchio continua a recitare la parte del giullare di corte e a prendersi gioco della città stessa, screditando l’allarme lanciato e asserendo con assoluta certezza che non c’è alcun inquinamento in corso! E poteva dirlo prima che bastava il suo giudizio e la sua parola per tranquillizzare tutti. " dichiara Armando Foschi ricordando le vicende giudiziare e mediatiche relative all'emergenza balneazione del 28 luglio e all'ordinanza retrodatata, per le quali lo stesso Del Vecchio è indagato assieme al sindaco.

Foschi esprime soddisfazione per l'intervento immediato della Capitaneria di Porto che ha proceduto al prelievo dei campioni affidati all'Arta per le analisi del caso, e ritiene che la preoccupazione mostrata dai cittadini per la nuova macchia in mare sia ampiamente giustificabile considerando quanto accaduto qualche mese fa.

"Tuttavia quello che non è comprensibile è il comportamento ingiustificabile del vicesindaco Del Vecchio, già indagato per i fatti del 28 luglio scorso: dinanzi all’allarme lanciato, mentre la Capitaneria effettuava i prelievi, si è lanciato in una difesa tardiva e fuori luogo, mostrando, in sostanza, di conoscere già in anticipo l’esito delle analisi dell’Arta, ovvero che non c’è alcun inquinamento in atto. E qui è evidente che l’esperienza non ha insegnato nulla al vicesindaco, ma soprattutto qui sorge un dubbio: se l’Arta non ha neanche cominciato a esaminare quei campioni d’acqua di mare, come fa Del Vecchio a conoscere già il risultato delle analisi? Parla dell’esame ‘visivo’ dell’acqua da parte degli uomini della Capitaneria che escluderebbe qualunque problema: ma se basta l’esame visivo, allora perché la Capitaneria ha portato i campioni d’acqua all’Arta?" ha aggiunto l'esponente di Pescara Mi Piace, attaccando Del Vecchio per le sue critiche verso chi ha lanciato l'allarme aggiungendo che la nostra città è finita sulle prime pagine di tutti i giornali proprio a causa dello scandalo generato dall'ordinanza retrodatata e dai problemi causati ai bagnanti nei giorni in cui l'acqua era inquinata da quintali di liquami sversati in mare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento