rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Politica

Cavalli a spasso per la città, Foschi: "C'è l'ordinanza anti-bighe, la si faccia rispettare"

L'intervento del presidente della commissione mobilità: “Gli episodi si stanno moltiplicando, complice forse il sole che sembra incentivare i proprietari dei cavalli a fare qualche giretto in città. Peccato che sia vietato”

Il presidente della commissione mobilità, Armando Foschi, richiama le forze dell'ordine all'applicazione dell’ordinanza sindacale anti-bighe, in vigore dallo scorso 21 giugno, e chiede di far rispettare questo provvedimento, soprattutto alla luce degli ultimi due casi registrati a Pescara nel fine settimana e filmati dai passanti, con un cavallo, evidentemente fuggito dalla stalla, che imperversava tra le auto in via Tiburtina, e una biga che se ne andava a spasso in via Celommi: “Stop ai cavalli a passeggio, da soli o con le bighe, sulle strade di Pescara - auspica Foschi - Lo dice l'apposita ordinanza sindacale, lo dicono i cartelli stradali installati ovunque su tutto il territorio fino a pochi giorni fa, ora tocca alle forze dell’ordine far rispettare il divieto, specie dopo questi ultimi due episodi che avrebbero potuto avere drammatiche conseguenze, ma che comunque hanno giustamente sollevato la rabbia e la preoccupazione dei cittadini”. 

Foschi poi aggiunge: “Gli episodi si stanno improvvisamente moltiplicando, complice forse il sole che, nonostante le temperature rigide, comunque sembra incentivare i proprietari dei cavalli a fare qualche giretto in città, peccato che sia vietato oltre che estremamente pericoloso. Tali episodi non devono verificarsi mai più. Dallo scorso 21 giugno – ricorda Foschi – Pescara ha infatti uno strumento amministrativo che vieta esplicitamente il transito dei cavalli da sella e dei mezzi a trazione animale, come le bighe, lungo le strade del centro abitato, e su tutto il territorio comunale, periferia compresa. Nello specifico, l’amministrazione ha riservato tre sole strade per il transito dei cavalli, riconoscendo comunque agli animali il diritto a fare due passi al trotto essendo detenuti sul nostro territorio, ovvero su parte di via Colle Renazzo, strada Vallelunga e di una parte di via Alberto Luciani, tre strade che comunque gravitano nella zona a ridosso del cimitero di San Silvestro”.

Non solo: "Per non incorrere in equivoci - spiega il presidente della commissione mobilità - nei giorni scorsi gli uffici tecnici hanno completato l’installazione della relativa cartellonistica stradale, proprio per specificare in modo puntuale dove è ammesso o meno il transito di bighe o cavalli. A questo punto tocca alle forze dell’ordine assicurare il rispetto dell’ordinanza, a tutela dei cittadini, ma anche degli stessi equini. E, a tal fine, propongo all’amministrazione comunale di convocare un tavolo di confronto con i proprietari dei cavalli, che tra l’altro, per essere legittimamente detenuti, devono anche essere microchippati e registrati alla relativa anagrafe, un tavolo che servirà a informare circa i dettagli dell’ordinanza in vigore e delle sanzioni connesse, cercando soprattutto la collaborazione dei proprietari stessi, chiamati, ora, a un’assunzione di responsabilità".

Cartello anti-bighe-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cavalli a spasso per la città, Foschi: "C'è l'ordinanza anti-bighe, la si faccia rispettare"

IlPescara è in caricamento