rotate-mobile
Politica Centro

Carabinieri aggrediti nell'area di risulta, CasaPound: “Necessario intervenire”

L'appello di Mirko Iacomelli, responsabile cittadino del movimento: "Fare subito qualcosa per tutelare i cittadini". A ottobre la consegna, presso gli uffici comunali, di una petizione firmata da negozianti della zona e cittadini

CasaPound Pescara interviene a seguito del gravissimo episodio avvenuto presso l’area di risulta della stazione, quando un immigrato nigeriano in evidente stato di alterazione ha aggredito due Carabinieri. “Si tratta dell'ennesima conferma della pericolosità dell’area, che completamente abbandonata a se stessa è diventata luogo di ritrovo per tossicodipendenti e immigrati”, afferma Mirko Iacomelli, responsabile cittadino del movimento. 

“Lo scorso ottobre abbiamo consegnato presso gli uffici comunali una petizione firmata da negozianti della zona e cittadini, in cui si chiedevano all'amministrazione interventi urgenti per la riqualificazione dell'area. Nulla finora è stato fatto, ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Si insiste invece con il progetto del ‘mercatino etnico che avrebbe come unico risultato quello di legittimare il commercio di merce contraffatta da parte degli immigrati".

“La strada per il ripristino della sicurezza e della legalità – conclude Iacomelli – è un'altra, e passa per la riconsegna di quello spazio si cittadini tramite interventi di riqualifica urbana, che permetteranno di creare le condizioni perché l'area risulti nuovamente fruibile in tranquillità dai pescaresi. Pertanto siamo pronti a scendere a breve in piazza con un presidio assieme ai cittadini affinché la loro voce possa essere finalmente ascoltata dagli amministratori”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carabinieri aggrediti nell'area di risulta, CasaPound: “Necessario intervenire”

IlPescara è in caricamento