Politica

Bombardamento su Pescara del 1943: il 31 agosto la città ricorderà quella tragica data

L'amministrazione comunale e la presidenza del consiglio comunale hanno organizzato una serie di iniziative in occasione dell'anniversario del bombartamento del 31 agosto 1943

Una cerimonia davanti al palazzo del Comune ed un concerto d'archi per ricordare il 76° Anniversario dei primi bombardamenti su Pescara, avvenuti il 31 agosto 1943. L'amministrazione comunale e la presidenza del consiglio comunale hanno organizzato per sabato prossimo una serie di iniziative per commemorare le oltre 2 mila persone morte sotto i bombardamenti alleati che distrussero gran parte degli edifici importanti del centro della città.

Ad illustrare i dettagli dell'jiniziativa il presidente del consiglio Antonelli ed il sindaco Masci, che sottolineano come quel bombardamento fu il fatto che concretamente mostrò ai pescaresi il dramma del conflitto mondiale, che fino ad allora non aveva interessato la città e l'Abruzzo:

Il 31 agosto, dunque, ricorderemo con un evento istituzionale promosso dalla Presidenza del Consiglio, quel dramma, con due momenti: il primo, a mezzogiorno, attraverso i canali di RadioMare, sulla nostra spiaggia, andrà in onda un messaggio per ricordare l’evento e invitare tutti a osservare un minuto di silenzio. Alle 19 il programma serale: ci ritroveremo in Largo Chiola, ossia alle mura del Palazzo di città, dove, con i labari e i Gonfaloni di tutte le Associazioni Combattentistiche e d’Armi, ci sarà la deposizione della Corona d’Alloro alla lapide installata sulle mura comunali nel 2004, quindi dopo un breve saluto del Presidente del Consiglio e del sindaco Masci, interverrà lo storico e giornalista Marco Patricelli per ricordare cos’è accaduto a Pescara il 31agosto di 76 anni fa.

A seguire ci sarà un concerto per violoncello del maestro Maria Margherita Paci, del Conservatorio Statale di Musica di Teramo. Il sindaco ha sottolineato come questa cerimonia dovrebbe raccogliere tutte le associazioni cittadine, i partiti politici ed i cittadini senza distinzioni di ideologia politica:

Il 31 agosto dev’essere per noi tutti un momento di pacificazione sotto quelle 500 bombe sono caduti i pescaresi di qualunque schieramento politico, noi dobbiamo guardare avanti facendo nostra la lezione che ci ha dato la storia. E il prossimo anno inviteremo anche l’Ambasciatore americano proprio rivivere insieme un momento importante del nostro passato

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bombardamento su Pescara del 1943: il 31 agosto la città ricorderà quella tragica data

IlPescara è in caricamento