Politica

Il Blocco studentesco denuncia la cattiva gestione dell'alternanza "scuola-lavoro"

Striscione nella notte, a Pescara, per protestare contro "l'assurda gestione" dell'alternanza scuola-lavoro nelle scuole della nostra città. Il responsabile Alfredo Mangia: "Abbiamo raccolto dati inquietanti"

«Confusione, sfruttamento e ignoranza: questa è la vostra "alternanza"!»: recita così lo striscione affisso nella notte dai militanti pescaresi del Blocco Studentesco, volto a criticare nuovamente "l'assurda gestione" dell'alternanza scuola-lavoro nelle scuole di Pescara.

"Abbiamo raccolto dati inquietanti - afferma in una nota Alfredo Mangia, responsabile pescarese del Blocco Studentesco - riguardo alla gestione delle ore di alternanza negli istituti e nei licei della città. I ragazzi sono abbandonati a loro stessi e sprecano ore di lezione facendo attività che nulla hanno a che vedere con i loro indirizzi di studio: la confusione sulla gestione di queste attività è imbarazzante e gli studenti ne sono puntualmente vittime. Inoltre è noto a tutti che negli istituti tecnici e professionali sono molti i casi in cui i ragazzi sono stati costretti a lavorare più ore del dovuto, ovviamente degenerando in quello che è un vero e proprio sfruttamento sul lavoro" .

"Ci teniamo a ricordare - conclude la nota - che l'alternanza scuola-lavoro dovrebbe essere un'esperienza formativa utile a creare un'etica lavorativa nello studente, non un mezzo per sfruttarne gratuitamente le fatiche o un periodo di tempo inutile che rallenti lo svolgimento dei programmi. Chiediamo che queste ore di alternanza vengano gestite con chiarezza ed utilità per gli studenti e come Blocco Studentesco continueremo sempre a monitorare costantemente la situazione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Blocco studentesco denuncia la cattiva gestione dell'alternanza "scuola-lavoro"
IlPescara è in caricamento