rotate-mobile
Politica

Blocco aumenti autostrade, Di Nicola (M5S): "Bisogna ridiscutere la concessione"

Il senatore interviene dopo che il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, ha bloccato "i pazzeschi aumenti tariffari" previsti per A24 e 25: "Quello che era stato promesso ai cittadini è stato fatto"

Il senatore del M5S Primo Di Nicola interviene dopo che il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, ha bloccato "i pazzeschi aumenti tariffari" previsti per le autostrade A24 e 25:

"Quello che era stato promesso ai cittadini è stato fatto. Ma è chiaro che così non si può continuare. Perché il problema si riproporrà sino a quando resteranno in vigore le clausole previste dall'attuale meccanismo che determina la formazione delle tariffe. Meccanismo che va rivisto ridiscutendo la concessione in corso".

Di Nicola, dunque, attacca indirettamente la società Strada dei Parchi, concessionaria, appunto, di A24 e A25: "Ha ridotto le due autostrade in condizioni di sicurezza penose". E a causa dello stato "allarmante" di ponti, gallerie e frane si "potrebbe rendere necessaria, così come scritto in alcuni documenti ministeriali, persino la chiusura a breve. Per questo ai cittadini vanno dette parole chiare". 

"È arrivato il momento di prendere atto del fallimento totale delle strombazzate privatizzazioni - conclude il senatore - in nome delle quali governi fallimentari e politici compiacenti hanno permesso per un ventennio, e sino a pochi mesi fa, ai concessionari di fare il bello e cattivo tempo. Incassando profitti mostruosi e socializzando le perdite. Un lusso che la buona politica e le tasche dei cittadini non possono più continuare a tollerare".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blocco aumenti autostrade, Di Nicola (M5S): "Bisogna ridiscutere la concessione"

IlPescara è in caricamento