rotate-mobile
Politica

Il consigliere regionale Blasioli incontra i lavoratori della Naiadi: "L'incertezza è frutto dell'immobilismo della Regione"

Il consigliere ha incontrati i dipendenti che sono preoccupati per il futuro della struttura sportiva con la convenzione con l'attuale gestore che scade il 31 luglio

La Regione è responsabile della situazione d'incertezza per il futuro delle Naiadi e dei suoi lavoratori. A parlare è il consigliere regionale Pd Blasioli che ha incontrato oggi una delegazione dei dipendenti della struttura sportiva che rischia la chiusura con la scadenza della convenzione con il gestore fissata al 31 luglio.

Secondo Blasioli, la Regione avrebbe dimostrato un atteggiamento superficiale e di immobilismo già nei mesi scorsi, quando si decise per il project financing che era stato criticato dall'opposizione in quanto non idoneo per risolvere definitivamente i problemi delle Naiadi.

Non è avvenuto, ora è troppo tardi per aspettare il project ed è troppo tardi anche per una gara per un nuovo affidamento temporaneo della gestione, per cui non resta che mobilitarsi affinché venga concessa una proroga per una gestione che doveva iniziare a luglio 2019 ed è iniziata solo il 1 ottobre 2019, ma che ha vissuto più di una criticità

Il Covid, ricorda il consigliere, ha poi causato l'interruzione da marzo fino al primo giugno e con gli introiti che si sono ridotti di un sesto rispetto a quanto la struttura è a regime la situazione non è certo rosea. Una proroga di 3 mesi, prosegue Blasioli, sarebbe assurda in quanto tre mesi sono il ritardo con cui la Regione ha eseguito i lavori, aggiungendo poi altri tre mesi di interruzione e la situazione attuale di ritmo ridotto. La programmazione, secondo Blasioli, dev'essere ampia trovando soluzioni alternative come il decreto rilancio all'articolo 206 sulla rideterminazione delle condizioni di equilibrio finanziario originariamente pattuite che la Regione può sfruttare.

Dunque bisogna mobilitarsi per evitare che le Naiadi tornino di nuovo nell’incubo. Un altro disastro per i lavoratori e le famiglie, ma anche per i fruitori, capace di minare ancora di più la fiducia che gli abruzzesi hanno ricominciato ad avere verso questo impianto storico da quando ha riaperto e che merita di crescere in quanto risorsa a diposizione di tutto il territorio
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il consigliere regionale Blasioli incontra i lavoratori della Naiadi: "L'incertezza è frutto dell'immobilismo della Regione"

IlPescara è in caricamento