rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

Aric: durante la pandemia interventi importanti e un risparmio di 170 milioni di euro

Tracciato il bilancio del commissariamento, dal 2019 ad oggi, dell'Agenzia regionale informatica e committenza, Marsilio dà il benvenuto al nuovo direttore Donato Cavallo

Finisce con un risparmio di circa 170 milioni di euro il commissariamento dell'Aric (Agenzia Regionale per l’Informatica e la Committenza). Ad illustrare i risultati ottenuti dal 2019 ad oggi e dunque per tutto il periodo della pandemia, sono stati il presidente della Regione Marco Marsilio, l'assessore regionale al bilancio Guido Liris e l'avvocato Daniela Valenza, dirigente regionale e già commissario straordinario dell'Aric alla presenza del nuovo direttore Donato Cavallo. L’ex commissario ha illustrato i risultati di maggiore rilievo raggiunti. Risultati che di traducono nell’indizione di gare per 950 milioni di euro, l’aggiudicazione per oltre un miliardo di euro e oltre 40 interventi di edilizia sanitaria promossi. Dalla fine del 2019 sono state indette 38 gare e ne sono state aggiudicate 37. Tra le azioni meglio riuscite, sottolinea Valenza, il covid hospital di Pescara dotato di attrezzature tecnologicamente avanzate e la cui realizzazione è stata possibile con un risparmio di oltre tre milioni di euro. “Tutti i lavori ricadenti nella cosiddetta rete covid per la ristrutturazione e il potenziamento degli attuali presidi ospedalieri regionali, sono stati completati – aggiuge -. Tutte le Asl hanno sostanzialmente realizzato il 100 per cento dei lavori, ad eccezione della Asl di Chieti per cui residua un unico lavoro ancora da ultimare. Già per questi lavori la Regione Abruzzo era stata indicata, lo scorso anno come prima regione per la realizzazione di posti letto per terapie semintensive e pronto soccorso e secondi, per la realizzazione di posti letto per terapia intensiva”.

Una gestione quella portata avanti con il comissariamento “che ha prodotto molteplici vantaggi per la Regione tra cui risparmio sulla spesa pubblica, efficiente programmazione dell’utilizzo di risorse e maggiore trasparenza e concorrenzialità nelle procedure di gara”, sottolinea Marsilio. Un percorso appena iniziato e che proseguirà, assicurano Liris e Cavallo, con l'Aric che sarà, aggiungono, punto di riferimento anche per altre Regioni sempre nell'ottica di una crescente aggregazione della spesa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aric: durante la pandemia interventi importanti e un risparmio di 170 milioni di euro

IlPescara è in caricamento