rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Politica

"Bella Ciao" in Consiglio Comunale, la replica del Pdl

Il Pdl, con il capogruppo Foschi, ha voluto dire la sua in merito alla vicenda della lettera scritta dal sindaco Mascia alla Preside di una scuola primaria e alla protesta del PD durante il consiglio di ieri

La maggioranza non ci sta e con Armando Foschi, capogruppo Pdl al Comune, interviene in merito alla polemica scoppiata ieri in Comune quando i consiglieri d'opposizione hanno intonato, durante la seduta del consiglio comunale, il canto "Bella Ciao" in risposta alla lettera del sindaco alla preside della scuola primaria "11 febbraio 1944" che ha fatto cantare la canzone partigiana ai suoi alunni il 25 aprile scorso.

La verità, secondo Foschi, è un'altra: "Quella andata in onda oggi, durante la seduta del Consiglio comunale di Pescara, è stata semplicemente una becera e vergognosa sceneggiata dei partiti dell’opposizione che, ancora una volta dall’inizio della nostra consiliatura, hanno dimostrato un’assoluta mancanza di rispetto per l’autorevolezza e il valore istituzionale del Consiglio comunale stesso. " ha detto Foschi parlando di una mistificazione da parte dell'opposizione in quanto in realtà le critiche di Mascia erano rivolte alla decisione di far cantare ai bambini una versione rivisitata dell'Inno di Mameli.

"All’indomani di quella celebrazione, viene però pubblicata sul quotidiano ‘Il Centro’, la lettera di una madre che informa la città di quanto accaduto durante quell’avvenimento, ovvero bambini che, non solo si sono ritrovati ‘partecipi e protagonisti involontari in canzoni che hanno chiaramente un marchio politico’, canzoni (mai definite canzonette) che il sindaco nella sua lettera non ha neanche specificato o identificato, ma, fatto ancora più grave, a quei bambini è stata insegnata una versione errata, sbagliata, riveduta e corretta dell’Inno di Mameli, che è l’Inno che rappresenta il nostro paese, è uno dei simboli della nostra Nazione". prosegue Foschi

"La verità è piuttosto che il centro-sinistra tenta ogni giorno di mettere addirittura il bavaglio al sindaco, ovvero al primo rappresentante delle Istituzioni, che ha invece il dovere di intervenire in maniera formale su tali episodi" conclude il capogruppo Pdl al Comune.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Bella Ciao" in Consiglio Comunale, la replica del Pdl

IlPescara è in caricamento