Politica

Barriere antiterrorismo, scritte di CasaPound: "Invece delle strade chiudiamo le frontiere"

"Questa - dichiara il responsabile cittadino Iacomelli - è la nostra risposta alla decisione del sindaco di blindare la riviera e le vie principali della città con delle barriere antiterrorismo relativamente funzionali, visto che non sono neanche bullonate alla pavimentazione"

Dopo le polemiche sulle nuove barriere antiterrorismo posizionate per tutta la città, interviene CasaPound che, nella notte, ha vergato i blocchi di cemento con la scritta: 'Invece delle strade, chiudiamo le frontiere'. 

"Questa - dichiara Mirko Iacomelli, responsabile cittadino di Cpi - è la nostra risposta polemica alla decisione del sindaco Alessandrini di blindare la riviera e le vie principali della città con delle barriere antiterrorismo, per di più relativamente funzionali, visto che non sono neanche bullonate alla pavimentazione e offrirebbero resistenza minima contro la forza di un eventuale camion lanciato a folle velocità in strada". 

"I terroristi che colpiscono le nostre città entrano in Europa grazie all'immigrazione sostenuta da questi signori. Magari quelli che colpiranno in Italia ora hanno vitto e alloggio pagato, mentre il nostro popolo muore di fame - continua Iacomelli - e questa è la soluzione offerta dalle istituzioni, dei semplici 'betafence e new jersey' mobili posizionati a macchia di leopardo per la città sotto istruzione del Viminale, come misura preventiva all'indomani dell'attacco terroristico sulla Rambla di Barcellona. La battaglia contro l'immigrazione, che non deve sfociare né nell'islamofobia né nel razzismo, è una battaglia di popolo e di civiltà. Non abbiamo paura delle altre culture, ma dobbiamo - prima di tutto - difendere la nostra e pensare al nostro popolo e ai cittadini in difficoltà".

"Alessandrini, Blasioli e tutti gli immigrazionisti vivono fuori dal mondo e - termina Iacomelli - ora che in Italia salgono sempre più i casi di aspiranti terroristi, seguaci del sedicente stato islamico e miliziani espulsi - senza contare le minacce e i continui incitamenti ad attaccare l'Italia rivolti dalle organizzazioni jihadiste ai cosiddetti 'lupi solitari' nostrani - siamo costretti ad asserragliarci in casa nostra, dopo aver stupidamente rifiutato ogni barriera contro nemici che non hanno neanche avuto bisogno di bussare alla porta, ma che sono stati gentilmente invitati a entrare e accomodarsi come dei fratelli. Nella speranza che questi indesiderati parenti non si comportino da serpenti, CasaPoundauspica la buona riuscita di queste barriere antiterrorismo. Se così non fosse, rimangono sempre i tombini killer sparsi per la riviera come piano B".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barriere antiterrorismo, scritte di CasaPound: "Invece delle strade chiudiamo le frontiere"

IlPescara è in caricamento