Lunedì, 15 Luglio 2024
Politica

Taglio alberi, Simona Barba (Alleanza Verdi e Sinistra italiana) torna a chiedere "la formazione di un Tavolo sul Verde"

La consigliera comunale ha inviato la richiesta coinvolgendo i carabinieri forestali, la prefettura, il sindaco e la Soprintendenza.

Nei giorni la richiesta, avanzata dai consiglieri comunali del centrosinistra al sindaco Carlo Masci, per l'attivazione di un tavolo di confronto sul taglio degli alberi in città. Adesso, a distanza di pochi giorni, l'intervento della consigliera Simona Barba (Alleanza Verdi e Sinistra Italiana), che invia "una richiesta urgente di formazione e incontro di un tavolo partecipativo tra le associazioni, i carabinieri forestali, la Prefettura, il sindaco e la Soprintendenza, perchè non si può negare un confronto per proteggere la salute della nostra città nel rispetto del nostro ordinamento Nazionale e Sovranazionale", sottolinea. 

"Nella città di Pescara, nel dicembre 2023, è stato disposto un piano di abbattimento di 61 alberi, alcuni dei quali saranno abbattuti nei prossimi giorni: a 7 mesi dalla determina, dopo aver superato tempeste di vento e pioggia, si decide così di ultimare gli abbattimenti in un periodo, quello estivo, vietato dalla legge. Le consigliere e i consiglieri di opposizione hanno inviato il 25 giugno richiesta urgente al sindaco per una moratoria e la formazione del Tavolo del Verde, previsto nel nostro Regolamento del Verde Urbano, e mai attuato", aggiunge. "Le associazioni, sempre la settimana scorsa, hanno ricordato che i loro consulenti tecnici sono a disposizione per un confronto. Nessuna risposta è stata ricevuta, e si abbatterà in un periodo vietato dalla direttiva Uccelli, uno dei pilastri della normativa ambientale europea e adottata dal nostro Paese. Si decide di cancellare la grande ombra dei nostri alberi adulti proprio ora, che a Pescara, dati scientifici alla mano, si raggiungeranno i 43 gradi centigradi, e che ci sarà un aumento delle morti tra i più fragili. Gli Enti tutti dovrebbero porre attenzione a quello che la cittadinanza e le associazioni stanno chiedendo. Salvare un albero è salvare noi stessi. Molteplici sono le tecniche, l’abbattimento è solo l’ultima ratio. E i tecnici ci dicono chiaramente che le nuove alberature, assolutamente necessarie, impiegheranno decine di anni prima di raggiungere la capacità di ombreggiatura dei nostri grandi alberi. I giovani alberi piantati, tra l ‘altro, subiranno crisi di trapianto, dovranno affrontare siccità e picchi di calore, una città ancora più cementificata, tanto che il loro sviluppo e la loro resistenza e crescita saranno già minati in partenza".

Ragion per cui, secondo Barba, "abbattere un albero deve essere azione ponderata da più parti". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taglio alberi, Simona Barba (Alleanza Verdi e Sinistra italiana) torna a chiedere "la formazione di un Tavolo sul Verde"
IlPescara è in caricamento