rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Politica

Bambini intossicati in mensa, Fiorilli: "Cuzzi deve dimettersi"

L'ex vicesindaco ed esponente di Azione Politica Pescara dopo la notizia del batterio che ha intossicato i bambini nelle mense scolastiche comunali chiede che la delega venga ritirata a Cuzzi

Un silenzio vergognoso del sindaco Alessandrini e le dimissioni dell'assessore Cuzzi. L'ex vicesindaco Fiorilli, esponente di Azione Politica Pescara, torna sulla questione dei bimbi intossicati nelle mense scolastiche comunali, alla luce delle ultime analisi della Asl che hanno finalmente svelato il batterio responsabile dell'infezione.

BIMBI INTOSSICATI, IL BATTERIO ARRIVA DAL POLLO

Fiorilli attacca duramente l'amministrazione comunale chiedendo le dimissioni dell'assessore o quantomeno la revoca della delega, per manifesta incapacità di gestire un settore delicato e critica il sindaco per il silenzio durante la seduta della commissione consiliare.

"Ancora oggi molti genitori hanno denunciato che anche in passato i bambini si sono lamentati per la scarsa qualità del cibo somministrato in mensa, o per dolori di pancia dopo il pranzo a scuola. La stessa amministrazione comunale sapeva già dall’inverno scorso che c’erano disfunzioni funzionali nel servizio, tanto da aver comminato una sanzione di 2mila euro alla ditta responsabile della preparazione dei pasti per aver riscontrato irregolarità nella preparazione delle pietanze, sembra per
aver trovato un sugo precotto anziché cotto in cucina al momento, a detta del dirigente Fabio Zuccarini che però non ha mostrato le carte in Commissione, limitandosi ad accennare lui al fatto. Resta che era stata costituita una pseudocommissione mensa, che dal 2015 a oggi non si è mai riunita, chiaramente un’operazione di facciata voluta dal sindaco per strappare qualche consenso e per dimostrare di essere una ‘città civile e moderna"

L'ex vicesindaco critica gli amministratori per non essersi scusati con i genitori dei bambini ricoverati e con quelli presenti in riunione, come accadde nel 2015 per la vicenda degli sversamenti di liquami in mare e per le acque non balneabili.

Domani in Commissione, invece, Azione Politica chiede non di sentire le chiacchiere di dirigenti e funzionari comunali, ma di leggere le carte, certi che l’inchiesta già aperta dalla magistratura, saprà fare piena luce su una vicenda difficile del tutto simile,
purtroppo, a quella dell’estate 2015

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambini intossicati in mensa, Fiorilli: "Cuzzi deve dimettersi"

IlPescara è in caricamento