Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Politica

Balneabilità in Abruzzo, nuovo botta e risposta fra ambientalisti e l'assessore Febbo

Ancora polemiche e scontro a distanza fra il Forum H20 abruzzese e l'assessore regionale Febbo in merito alla questione dei dati sulla balneabilità delle acque nella nostra Regione

Nuovo botta e risposta fra ambientalisti e l'assessore Febbo, in merito alla questione della balneabilità delle acque in Abruzzo. Dopo la pubblicazione da parte dell'Arta dei dati relativi al mese di ottobre, infatti, il Forum H20 era tornato all'attacco parlando di situazione critica soprattutto a causa dei problemi dei depuratori per le acque scaricate dai fiumi, con dati negativi ed in peggioramento se si considera lo storico delle annualità 2011 - 2019.

Secondo gli ambientalisti, l'andamento dei dati dipende in maniera evidente dall'incapacità dei depuratori di svolgere il loro compito, evidenziando come nel confronto con altre Regioni vicine i dati abruzzesi siano peggiori, incidendo anche indirettamente sull'attrattività turistica:

I dati sui fiumi ci dicono che purtroppo la loro condizione rimane molto distante dagli standard richiesti a livello comunitario per cui alla fine i dati della balneazione sono influenzati da questa condizione. Non possiamo pensare che il nostro turismo resti in balia del meteo, sperando cioè che non piova per nulla in estate per evitare che i fiumi portino l'inquinamento lungo la costa. Quest'anno fortunatamente non ci siamo accorti di questi problemi solo perché il tempo è stato clemente nel pieno della stagione balneare e i diffusi superamenti dei limiti ci sono stati nei controlli di settembre quando ormai la stagione era praticamente finita.

Pertanto vi è un gran lavoro da fare sui depuratori. Fortunatamente alcuni investimenti sono in corso di spesa e auspichiamo che tutti gli amministratori si impegnino per far finire in fretta i lavori, per assicurare nuovi fondi ad un sistema di depurazione che è stato trascurato per decenni e per assoggettare a rigorosi controlli tutti gli scarichi che ci sono lungo i fiumi e lungo la costa

L'assessore Febbo ha replicato parlando di un commento scontato e di parti insensate nel discorso degli ambientalisti, ricordando come l'andamento dei numeri sulla balneabilità sia positivo e che gli investimenti sono in corso ed aumenteranno nel tempo per quanto riguarda la situazione dei depuratori, accusando il Forum H20 di allarmismo ingiustificato:

Voglio spiegare all’associazione come per la salute del nostro mare bisogna intervenire, come stiamo facendo, sui depuratori collocati nelle aree interne vicino ai fiumi oltre a quelli sulle città della costa.  Mi spiace – continua Febbo - invece leggere da parte dell’associazione un trattato sui numeri partendo dai dati degli ultimi sei anni che sono oggi imparagonabili ed non hanno un riscontro sulla realtà attuale poiché i fattori che incidono sul monitoraggio sono in continuo cambiamento. Inoltre è altrettanto assurdo e sbagliato paragonare la Regione Abruzzo con quelle delle altre regioni. Un paragone insensato poiché le rilevazioni delle varie agenzie regionali hanno diversi parametri, altri punti di rilievo con altri criteri e quindi incomparabili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Balneabilità in Abruzzo, nuovo botta e risposta fra ambientalisti e l'assessore Febbo

IlPescara è in caricamento