rotate-mobile
Politica

Avvisi pubblici per assumere medici e infermieri, soddisfatto Acerbo: "Era ora"

Il segretario nazionale di Rifondazione Comunista, che recentemente è stato ricoverato nel reparto Covid dopo aver contratto il coronavirus, aveva denunciato che "i giovani che erano in prima linea venivano assunti come forza lavoro usa e getta"

Scattano gli avvisi pubblici per assumere medici, infermieri, oss e tecnici di laboratorio: soddisfatto Acerbo. Il segretario nazionale di Rifondazione Comunista, che recentemente è stato ricoverato nel reparto Covid dopo aver contratto il coronavirus, aveva infatti denunciato già da tempo che "i giovani che erano in prima linea venivano assunti come forza lavoro usa e getta".

"Ora finalmente - scrive Acerbo - Asl e Regione Abruzzo hanno deciso di fare avvisi pubblici per l'assunzione a tempo determinato. La considero una prima vittoria. Leggendo i bandi si scopre che le norme sulla base delle quali si è proceduto sono state approvate tra marzo e aprile. Sapete quando hanno deliberato di indire gli avvisi pubblici? Il 5 novembre! Dopo 6 mesi! E in tutto questo tempo si è fatto ricorso alle agenzie interinali private".

Adesso, aggiunge Acerbo, "bisogna capire se questi bandi pongono fine al ricorso ai privati e se il personale che sta già lavorando da mesi potrà rientrare nei bandi. Credo che il prossimo passo debbano essere concorsi per assunzioni a tempo indeterminato che tengano conto del lavoro svolto da queste/i giovani in questi mesi. La sanità pubblica ha bisogno di assunzioni e anche della reinternalizzazione di tutti i servizi appaltati all'esterno negli ultimi 20 anni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avvisi pubblici per assumere medici e infermieri, soddisfatto Acerbo: "Era ora"

IlPescara è in caricamento