Martedì, 27 Luglio 2021
Politica

Consiglio comunale straordinario aperto ai cittadini per l'autovelox in via Di Sotto

Riunione dell'assise civica chiesta dal centrosinistra alla quale possono partecipare i cittadini in diretta online dalle ore 16:30

Il caso dell'autovelox in via di Sotto a Pescara Colli torna a essere affrontato in consiglio comunale, nella seduta prevista domani, lunedì 26 aprile. 
La riunione dell'assise civica, chiesta dal centrosinistra, è in programma alle ore 16:30 in diretta online.

«Abbiamo chiesto e ottenuto la seduta straordinaria aperta agli interventi dei cittadini», spiega il capogruppo del Pd Piero Giampietro, primo firmatario della richiesta di consiglio comunale straordinario firmata assieme agli altri consiglieri di centrosinistra Stefania Catalano, Francesco Pagnanelli, Marco Presutti, Giovanni Di Iacovo, Marinella Sclocco e Mirko Frattarelli, «perché è sempre più evidente che questa giunta non si rende conto della situazione che ha creato e che si sta aggravando giorno dopo giorno, con una tensione sociale ed economica crescente. Le persone stanno ancora ricevendo le sanzioni dei primi giorni di marzo, ci sono famiglie chiamate a pagare migliaia di euro per essere rientrate a casa a 35 km orari. E le dichiarazioni del sindaco che parla  addirittura di battaglia di civiltà, come se ai Colli le persone non fossero civili, sono molto gravi. La verità è che la giunta poteva introdurre rallentatori prima di qualunque altro intervento, mentre partire direttamente con l’autovelox tarato a 30 km orari dimostra la volontà esclusiva di fare cassa. E nonostante le migliaia di sanzioni, nonostante le centinaia di migliaia di euro incassate, nonostante le promesse l’autovelox è ancora lì, tarato a 30».

Sul tema, Alessio Di Pasquale, consigliere di Forza Italia, presenterà un ordine del giorno che verrà sottoposto all'attenzione e al voto dell'assise civica. Queste le richieste contenute nell'ordine del giorno:

  • apertura di un tavolo tecnico tra amministrazione comunale, parti sociali e organizzazioni di categoria per l’adozione di misure condivise finalizzate a garantire la sicurezza di pedoni, ciclisti, scooteristi e automobilisti in via di Sotto e in via Colli Innamorati;
  • reinvestire i proventi delle sanzioni comminate dall’autovelox in opere di sicurezza stradale da realizzare sulla stessa arteria o comunque nel quartiere dei Colli Innamorati.

«Comprensibile la protesta dei cittadini sanzionati», dice Di Pasquale, «altrettanto comprensibile però la scelta dell’amministrazione comunale che nasce da anni di incidenti, di investimenti mortali, di episodi di cronaca nera che hanno fatto storicamente meritare a via Di Sotto l’appellativo di "strada della morte", con un’éscalation di eventi che comunque andava arginata e contenuta. La vicenda di via Di Sotto è emotivamente difficile e politicamente scomoda, ma chi amministra ha il dovere di compiere scelte che devono avere un unico obiettivo: tutelare i cittadini a partire dai più fragili. Pescara è una città che ha fatto ormai da anni una scelta, quella di crescere con una mobilità sempre più sostenibile, che significa privilegiare la mobilità "debole", attraverso la realizzazione di piste ciclabili, l’introduzione di mezzi di trasporto pubblico di massa a basso impatto ambientale, l’adozione di una filosofia green. Che significa anche ridurre la velocità di marcia dei veicoli privati, sia in termini di inquinamento ambientale che di sicurezza. A tale programma generale, si affianca poi quello più specifico che riguarda via Di Sotto, una strada a traffico elevatissimo che negli anni si è purtroppo caratterizzata per essere stata teatro di investimenti stradali mortali o comunque con feriti gravi, investimenti sempre causati dall’elevata velocità di marcia dei mezzi in movimento».

«Il Movimento 5 Stelle nel consiglio comunale proporrà di impiegare tutti i soldi derivanti dalle sanzioni dell’autovelox di via Di Sotto per la riqualificazione dell’intera via e la creazione, di fronte alla scuola, di una vera “zona 30” che, in modo strutturale, obbligherà a ridurre la velocità a chi transita grazie a un’area rialzata e a corsie più strette, eliminando definitivamente l’autovelox. I soldi dei cittadini multati servano a migliorare la sicurezza e la tranquillità di chi percorre via Di Sotto». A farlo sapere sono i consiglieri del M5S Erika Alessandrini e Paolo Sola alla vigilia del consiglio comunale straordinario che si svolgerà domani, lunedì 26 aprile, in sessione aperta alla cittadinanza. «La mattanza economica che l’amministrazione Masci ha inflitto a cittadini, commercianti e residenti di via di Sotto era evidentemente una ruberia premeditata, tanto che solo ora, dopo aver elevato ormai circa 20.000 multe e spremuto per bene le tasche dei cittadini, il centrodestra pescarese comincia a parlare di possibili diverse soluzioni. Interventi che quindi potevano e dovevano essere fatti prima, e parlarne solo ora conferma che siamo davanti ad una manovra orchestrata da Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia deliberatamente per fare cassa a danno dei cittadini», aggiungono i pentastellati, «questa vicenda dimostra ancora una volta la totale incapacità amministrativa del centrodestra di Carlo Masci che prima ha sostenuto l’installazione dell’autovelox come soluzione a tutti i problemi di sicurezza stradale della zona, salvo poi lavarsi le mani da ogni responsabilità quando è iniziata la pioggia di sanzioni e il coro unanime di critiche, attribuendo agli stessi cittadini la presunta “colpa” di aver richiesto il sistema di controllo. Uno dei momenti più bassi di questa amministrazione, pavida davanti alle critiche e priva di qualunque senso di responsabilità. Resta attuale il tema della sicurezza stradale nel quartiere, visto che la “soluzione autovelox” sembra solo aver spostato di poco più in là il problema. L’incapacità di Masci di fare scelte sensate, ricade sui cittadini dei Colli e non solo. Il fuggi fuggi da via Di Sotto ha prodotto lo spostamento in massa verso le strade parallele di gran parte delle autovetture che, cercando di sfuggire alla tagliola dell’autovelox, ora spostano il problema della sicurezza su via Colle Innamorati, via Pandolfi e via Colle di Mezzo, già scenario di incidenti stradali nei giorni scorsi. Quando si è trattato di accendere l’autovelox, questa amministrazione non ha esitato a procedere, e oggi invece continua a perdere tempo e litigare al proprio interno invece di avviare finalmente i lavori su via Di Sotto».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio comunale straordinario aperto ai cittadini per l'autovelox in via Di Sotto

IlPescara è in caricamento