Politica

Autobus Cappelle sul Tavo, i Giovani Democratici chiedono il prolungamento della linea 3 fino a contrada Staffieri

È quanto chiedono Claudio Mastrangelo e Walter Verrigni rispettivamente segretario provinciale dei Giovani Democratici ed esponente cappellese

Prolungare la linea 3 degli autobus Tua fino a contrada Staffieri di Cappelle sul Tavo e realizzare marciapiedi sulle strade provinciali per favorire la percorribilità pedonale.
È quanto chiedono Claudio Mastrangelo e Walter Verrigni rispettivamente segretario provinciale dei Giovani Democratici ed esponente cappellese.

Mastrangelo e Verrigni hanno inviato una lettera al sindaco di Cappelle, Lorenzo Ferri, e al presidente della Provincia, Antonio Zaffiri.

«È indubbia l’annosa problematica dell’assenza di linee urbane che collegano il territorio comunale al centro di Pescara», dicono i due esponenti dei giovani democratici, «ciò a discapito anche degli studenti pendolari che, seppur distanti pochissimi chilometri dall’ultima fermata di linea urbana (Terrarossa), si vedono costretti a usufruire del servizio di trasporto extraurbano che, per altro, risulta poco efficiente e a volte insufficiente a soddisfare tutta l’utenza».

Questo quanto aggiungono Mastrangelo e Verrigni:

«Riteniamo che sia necessario impegnarsi a tutti i livelli istituzionali, affinché si possa arrivare ad ottenere il prolungamento della linea 3 di Tua fino alla contrada Staffieri, in modo tale che con questa si possa soddisfare l’esigenza di tutta la popolazione di Cappelle. Questa misura non sarebbe sufficiente e, a nostro parere, nemmeno praticabile, se non venisse accompagnata da investimenti infrastrutturali sulle strade provinciali e comunali principali che attraversano il Comune di Cappelle Sul Tavo. Al momento, diversi tratti della strada provinciale “Variante sotto Cappelle”, della SS16/bis e della SR151 sono sprovvisti di marciapiedi. Sarebbe fondamentale, quindi, porre in atto interventi su queste strade affinché possano essere percorse in sicurezza e senza rischi anche dai pedoni. Cappelle sta crescendo, ha le potenzialità e i requisiti urbani e territoriali per essere considerata parte dell’area metropolitana pescarese. C’è bisogno, però, dell’impegno della politica affinché si trovino la volontà e le risorse necessarie per rendere Cappelle parte del comprensorio metropolitano, per far sì che Cappelle diventi più attrattiva anche per le piccole imprese e dal punto di vista dell’offerta economica, culturale e sociale».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autobus Cappelle sul Tavo, i Giovani Democratici chiedono il prolungamento della linea 3 fino a contrada Staffieri

IlPescara è in caricamento