Auto incendiate a Rancitelli, Blasioli: "Si trovino sistemazioni alternative ai legittimi assegnatari"

A dirlo è Antonio Blasioli, consigliere regionale del Pd, in riferimento alle auto incendiate sabato notte al Ferro di Cavallo nel rione Rancitelli

«Sono vicino alla gente per bene che abita lì e che deve essere sostenuta e aiutata subito: si trovino sistemazioni alternative ai legittimi assegnatari».
A dirlo è Antonio Blasioli, consigliere regionale del Pd, in riferimento alle auto incendiate sabato notte al Ferro di Cavallo nel rione Rancitelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Esprimo vicinanza ai tanti cittadini per bene che abitano a Pescara negli alloggi popolari del ferro di cavallo. Ai tanti che nei palazzi sopportano soprusi e a chi ha dovuto subire questi gesti vili. Io credo che la politica sia chiamata a dare soluzioni, affiancandosi alle forze di polizia, che ormai dopo tanti anni sono in trincea per debellare spaccio e atti esecrabili come questi che continuano, in barba ai controlli. Quelle persone non possono essere lasciate sole. Bisogna rivitalizzare il quartiere, ma bisogna anche farlo rapidamente. Si tratta di 120 appartamenti circa. La Regione Abruzzo ha stanziato i fondi per la progettazione, per poter aderire al sismabonus, fondi che vorrebbe usare per buttare giù i 120 appartamenti, sostituendoli con 70 circa. Ci dicono che sono 70 quelli necessari a ridare una casa alle famiglie legittimate, gli altri sarebbero quindi assegnatari senza titolo. Propongo di trasferire altrove queste 70 famiglie legittimate ad avere una casa. Ci sono appartamenti sfitti in città, appartamenti di prossima realizzazione e ci sono i fondi, penso a quelli di via Lago di Borgiano, arrivati, per abbattere e ricostruire i tre palazzi danneggiati e sfollati nel 2017. Si trovino 70 appartamenti per ridare una vita tranquilla a queste persone, prima dell’abbattimento di quei palazzi e magari per le sole famiglie che vogliono trasferirsi altrove. Le soluzioni ci sono. Non si può accettare che perda lo Stato e vinca la minaccia o, peggio, la violenza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vigilessa di Pescara Monica Campoli protagonista a "Forum" [VIDEO]

  • Il Lotto premia l'Abruzzo: grande vincita ad Avezzano

  • Nuovo Dpcm, scatta la protesta a Pescara: corteo da piazza Muzii fino al Comune

  • SuperEnalotto bacia l'Abruzzo con una maxi vincita: centrato il "5" da 100.375,95 euro

  • Coronavirus, Marsilio sulle possibili chiusure in Abruzzo: "Non lo escludo ma si lavora giorno per giorno"

  • Maxi frode e corruzione all'Uoc di Cardiochirugia di Chieti: arresti anche a Pescara

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento