Assistenti volontari: è scontro fra Pignoli ed il PD di Pescara

Dopo l'annuncio da parte della Lista Teodoro di voler inviare una mozione al sindaco per attivare la figura degli "Assistenti Volontari", cittadini organizzati per la sorveglianza dei luoghi pubblici, si accende lo scontro fra il PD, che critica il provvedimento, e Massimiliano Pignoli

Si accende lo scontro politico fra il PD e Massimiliano Pignoli, esponente della Lista Teodoro, riguardo la sicurezza in città e l'istituzione degli "Assistenti Volontari."

Dopo l'annuncio da parte di Pignoli di voler presentare una mozione al sindaco per attivare questo tipo di sorveglianza cittadina, fatta da persone disarmate, identificate ed adeguatamente preparate, è arrivata la reazione del PD, che con il consigliere comunale Moreno Di Pietrantonio ed il consigliere regionale Marinella Sclocco, ha criticato l'iniziativa.

"L'istituzione delle ronde è l'ennesima dimostrazione della confusione programmatica dell'attuale maggioranza. Le ronde sono un esperimento fallito miseramente in tutta Italia. Pescara fu una delle prime città ad essere contraria a questo sistema di sorveglianza cittadino, che potrebbe addirittura essere controproducente per la sicurezza dei cittadini" ha dichiarato Di Pietrantonio.

Marinella Sclocco, consigliere regionale, invece focalizza l'intervento sulla mancanza di fondi per le Forze dell'Ordine: "L’introduzione delle ronde è solo una scorciatoia di chi ha la coscienza sporca, perché non muove un dito contro i pesantissimi tagli che il suo governo impone alla sicurezza dei cittadini. La sicurezza vera si ottiene investendo sulle Forze dell'Ordine, fatta di persone competenti, preparate ed efficienti. E' solo un modo per cercare di distrarre l'attenzione dalla mancanza di risorse che penalizza fortemente le nostre Forze dell'Ordine" conclude la Sclocco.

A queste dichiarazioni, ha voluto replicare lo stesso Pignoli: "Mi meraviglia l'intervento dell'opposizione, che nella scorsa legislatura perse anche i fondi necessari per costruire la Caserma dei Carabinieri a Pescara. Parlano di sicurezza quando in sei anni non hanno installato una telecamera in tutta la città per la videosorveglianza. Queste problematiche sono state affrontate e risolte dall'attuale maggioranza cittadina, che presto farà partire i lavori di costruzione della Caserma ed ha installato insieme ai commercianti una fitta rete di telecamere interconnesse per la sicurezza di Pescara Vecchia".

"Aggiungo anche l'apertura dei presidi dei Vigili Urbani nelle circoscrizioni, dotati di pistola, che aumenteranno sensibilmente la percezione di sicurezza da parte dei residenti. In tutto questo, gli Assistenti Volontari si collocano come un supporto volontario, non armato, che collaborerà con le Forze dell'Ordine per garantire la sicurezza nei luoghi pubblici. Le ronde sono tutt'altra cosa. Capisco però l'imbarazzo del PD che arranca di fronte alle proprie evidenti e pesanti carenze quando si parla di sicurezza"conclude l'esponente della Lista Teodoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • A "L'ingrediente perfetto" su La7 Roberta Capua prepara gli arrosticini in padella con burro e salvia [FOTO - VIDEO]

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

Torna su
IlPescara è in caricamento