menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giunta Masci, niente fumata bianca dopo il secondo vertice del centrodestra

Al termine del confronto, a tratti acceso e durato circa tre ore, sono ancora diversi i dettagli da mettere a posto per arrivare alla quadratura del cerchio

È terminata senza la fumata bianca il secondo vertice del centrodestra di Pescara che si è tenuto oggi pomeriggio, lunedì 17 giugno, per definire la composizione della giunta comunale che sarà guidata dal sindaco Carlo Masci.  
Al termine del confronto, a tratti acceso e durato circa tre ore, sono ancora diversi i dettagli da mettere a posto per arrivare alla quadratura del cerchio.

Dunque i leader dei partiti e delle liste che hanno sostenuto la candidatura del neo primo cittadino dovranno tornare a incontrarsi per arrivare alla composizione finale di quella che sarà la squadra di governo. 

Sicuramente sono stati fatti passi in avanti rispetto al primo incontro di una settimana fa e trapela fiducia sulla possibilità di chiudere la partita entro pochi giorni. I nodi da sciogliere iguardano sempre quote rosa e assegnazione numerica degli assessorati alle varie liste. Lo schema sul quale si continua a lavorare (basandosi sul numero di voti ottenuti) è quello che vedrebbe 3 assessorati (Gianni Santilli, Adelchi Sulpizio e Maria Rita Carota per la quota rosa) più la presidenza del consiglio comunale (Marcello Antonelli) alla Lega, due assessori sarebbero di Forza Italia (Luigi Albore Mascia e per la quota rosa Isabella Del Trecco o Manuela Peschi), due a Fratelli d'Italia (Alfredo Cremonese e Fabrizio Rapposelli o Maria Rita Paoni Saccone per la quota rosa in caso di rifiuto di Zaira Zamparelli, prima dei non eletti nel partito della Meloni), uno a Pescara Futura (Adamo Scurti o Valeria Toppetti per la quota rosa) e uno all'Udc (Massimiliano Pignoli o Giuseppe Bruno). 

Il problema principale da risolvere è quello relativo alle quote rosa: 4 le donne da inserire in giunta ma sono solo 3 quelle elette: Maria RIta Carota e Maria Luigia Montopolino per la Lega e Manuela Peschi per Forza Italia. Dunque si dovrà per forza di cose cercare tre le donne non risultate elette per completare il quadro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento