menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'annuncio dell'assessore Del Trecco: "Raffica di multe a chi conferisce in modo irregolare i rifiuti"

L'assessore ha fatto sapere che la polizia municipale ha già comminato oltre 70 verbali fra cittadini privati, stabilimenti balneari e ristoranti di pesce che non hanno rispettato le nuove regole per il conferimento

Scattano le multe e la tolleranza zero per chi non rispetta le nuove regole per il conferimento dei rifiuti a Pescara. Lo ha fatto sapere l'assessore Del Trecco, annunciando una raffica di sanzioni a cittadini privati, stabilimenti balneari e ristoranti di pesce in città che non hanno smaltito nel modo corretto il pattume.
Da un mese l'amministrazione comunale ha avviato una campagna di sensibilizzazione ed informazione sul corretto conferimento dei rifiuti, regole che valgono per tutti e che contribuiscono a mantenere la città pulita. Per i ristoratori e stabilimenti sono stati messi a disposizione i tecnici di Ambiente per individuare le aree più idonee dove realizzare l'isola ecologica, ed ora è arrivato il tempo dei controlli e delle sanzioni.

Ben 39 verbali, da inizio luglio al 10 agosto, sono stati elevati a carico di privati cittadini che sono stati sorpresi a gettare i rifiuti fuori orario o ad abbandonare ingombranti per strada, nella zona del mercato ittico, in via Firenze-via Sardegna, via Lago di Capestrano, via Le Mainarde, via Regina Elena, via Cesano, via Lago di Borgiano e tra via Savonarola e via dei Peligni, alle spalle del Comando dei Carabinieri.

Multe che partono da 500 euro in su, mentre verbali sono stati comminati anche agli stabilimenti balneari:

Ben 22 in questo caso i verbali comminati a carico di altrettanti stabilimenti che, ovviamente, hanno violato l’ordinanza sindacale o che sono stati sorpresi ad abbandonare rifiuti sul suolo pubblico. Infine i ristoranti di pesce o le stesse pescherie ai quali avevamo già annunciato un giro di vite riscontrando troppe violazioni sul territorio, con cassonetti maleodoranti e strade inaccessibili, in cui, evidentemente, qualcuno non si è mai fatto scrupolo di gettare gli scarti dei prodotti ittici in lavorazione, in barba alla legge che impone il ricorso a ditte specializzate.

Su 13 accertamenti per i ristoranti, 9 sono stati sanzionati, anche in questo caso dai 500 euro in su aggiunge l'assessore spiegando che i controlli andranno avanti senza sosta per far rispettare da tutti le norme.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Variante brasiliana in Abruzzo, Marsilio vuole vederci chiaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento