Politica

L'assessore regionale D'Amario sui viaggi autorizzati all'estero per Pasqua: "Decisione assurda, un controsenso"

L'assessore al turismo interviene in merito al dibattito che si è acceso in tutto il Paese in merito alla possibilità di recarsi all'estero per turismo, con i divieti di spostamento fra le regioni

Una decisione assurda quella di autorizzare i viaggi all'estero per i cittadini italiani mentre all'interno dei confini le restrizioni aumentano per il periodo pasquale. Lo ha detto l'assessore regionale al turismo D'Amario, inserendosi nel dibattito che si è acceso nel Paese dopo le precisazioni del Viminale sui viaggi in aereo verso mete estere.

In sostanza si può andare in spiagge esotiche ma non è ammesso raggiungere i propri cari nel periodo pasquale se questi vivono in Italia. Tutto questo viene autorizzato e ammesso a danno del turismo italiano e in particolare del comparto alberghiero, da mesi paralizzato dalle norme sulle restrizioni della mobilità

Secondo l'assessore, con questa decisione il Governo rischia di minare ulteriormente la fiducia degli operatori turistici nazionali ormai allo stremo. Ricordiamo che per il 3,4,5 aprile tutto il territorio italiano sarà zona rossa con la deroga che però concede una visita al giorno a parenti e amici per massimo 2 persone (esclusi minori e disabili) all'interno del territorio regionale dalle 5 del mattino alle 22.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'assessore regionale D'Amario sui viaggi autorizzati all'estero per Pasqua: "Decisione assurda, un controsenso"

IlPescara è in caricamento