rotate-mobile
Politica

Aumenta con la pandemia l'uso di nuove droghe tra i giovani, approvato il protocollo per combatterne la diffusione

Lo ha fatto sapere l'assessore Nicoletta Verì, aggiungendo che il fenomeno del consumo di sostanze psicoattive spesso quasi sconosciute, è aumentato a causa della pandemia

La giunta regionale ha approvato il protocollo per il contrasto alla diffusione delle nuove sostanze psicoattive fra i giovani. Lo ha fatto sapere l'assessore regionale Nicoletta Verì che ha presentato la proposta di delibera per un fenomeno, quello dell'abuso e uso di sostanze stupefacenti spesso acquistate online, che a causa della pandemia ha avuto un preoccupante aumento fra i giovani, in fasce d'età sempre più basse. Molte di queste sostanze, fra l'altro, sono quasi sconosciute e pericolose per la salute e la vita stessa di chi le assume:

"Nel 2019 (ultimo dato disponibile) i ricoveri per cause correlate all’uso di droghe in Abruzzo sono stati 187 nella fascia di popolazione con età inferiore a 34 anni, con un’incidenza di 44.2 su 100mila abitanti e una prevalenza di pazienti maschi (oltre il 73 per cento del totale). Sempre nel 2019, il rapporto Espad del Cnr, ha evidenziato come il 34.4 di ragazzi abruzzesi tra i 15 e i 19 anni abbia ammesso di aver fatto uso di almeno una sostanza illegale (oppiacei, cocaina, stimolanti, allucinogeni o cannabis) nel corso della propria vita."

L'assessore ha aggiunto che per contrastare questo preoccupante fenomeno, sarà promossa un'intensificazione nello scambio di informazioni fra le diverse articolazioni della pubblica amministrazione, comprese le forze dell'ordine che eseguono sequestri, episodi segnalati in ambito scolastico o dai medici di famiglia e pediatri, coinvolgendo anche il mondo dello sport e gli ambienti sociali frequentati dai giovani:

"Questo permetterà, nel rispetto della normativa e degli aspetti legati alla privacy, di programmare iniziative di informazione e sensibilizzazione sul territorio, finalizzate a realizzare azioni di monitoraggio, controllo e contrasto della diffusione di queste sostanze, da portare avanti non solo con gli attori istituzionali (come i Serd delle Asl), ma in collaborazione proprio con la scuola e lo sport, così da intercettare ampie fasce di popolazione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumenta con la pandemia l'uso di nuove droghe tra i giovani, approvato il protocollo per combatterne la diffusione

IlPescara è in caricamento