rotate-mobile
Politica

Appalto autovelox, Fiorilli precisa: “Nessun intervento della Procura”

Alla serata di oggi, dice il vicesindaco, "non vi è stata alcuna acquisizione da parte della magistratura di atti inerenti il contratto per la fornitura di autovelox e altri dispositivi per la sicurezza stradale"

Vicenda autovelox: nessun intervento della Procura. Lo fa sapere il Comune. Un articolo pubblicato stamane sul quotidiano ‘Il Tempo’ dà infatti la possibilità al vicesindaco Fiorilli di precisare che "alla serata di oggi, 7 giugno 2013, non vi è stata alcuna acquisizione da parte della magistratura di atti inerenti il contratto per la fornitura di autovelox e altri dispositivi per la sicurezza stradale, contratto per il quale il Dirigente alla Mobilità, Fabrizio Trisi, ha personalmente avviato, già nella mattinata di ieri, la procedura di revoca in autotutela del contratto stesso".

Interpellato lo stesso Trisi, nonché gli altri Dirigenti del settore, tutti - comunica Fiorilli - "hanno confermato di non aver ricevuto la visita di ‘emissari del Palazzo di Giustizia’, né tantomeno richieste di fornitura di documenti, contratti o determine, che comunque sono a disposizione di tutti. L’unico accenno alla magistratura proviene dalla segnalazione del signor Tarantino, che ha inviato la propria lettera, nella quale ha sollevato il ‘caso’ della cessione della società pubblica Pescara Sicurezza e Mobilità Srl, di proprietà dell’Aci Foggia, a un privato, oltre che al Comune di Pescara, che sino ad allora era all’oscuro della vicenda, e ad alcune testate giornalistiche, anche alla Procura della Repubblica e alla Guardia di Finanza”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalto autovelox, Fiorilli precisa: “Nessun intervento della Procura”

IlPescara è in caricamento