Politica

Appalto Autovelox, Blasioli: "La Giunta sapeva,deve dimettersi"

Il consigliere Blasioli del PD chiede le dimissioni in blocco della Giunta Mascia, in merito alla questione dell'appalto per i nuovi autovelox e la gestione e controllo delle infrazioni

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPescara

La scelta della società che fornirà gli autovelox è illegittima e la responsabilità non è del solo dirigente. Ci saremmo aspettati che qualcuno dell’Amministrazione fosse nel frattempo intervenuto a salvare il soldato Trisi ma così non è stato e nel silenzio tombale che regna in Comune sulla vicenda, provo a rispondere alla domanda: E’ pensabile che una società riceva un appalto di milioni di €. con un affidamento diretto senza che la Giunta sappia nulla?

La risposta è: assolutamente no!

In soccorso mi vengono le carte. Tutta la procedura prende infatti inizio dalla  delibera di Giunta Comunale n. 168 del 22 febbraio 2013 con cui la Giunta guidata da Mascia e Fiorilli dispone di voler diminuire il tasso d’incidentalità nella nostra città e con un “atto di indirizzo” si legge nella parte in deliberato s’invita il dirigente a ”porre in essere ogni iniziativa necessaria per l’attuazione e il raggiungimento, nel più breve tempo possibile, degli obiettivi in narrativa” . Nella relazione alla delibera che ne è parte integrante, (pag. 16) però si cita la proposta collaborativa della società denominata Gestore S.r.l.

Quindi da una parte s’invita il dirigente a sperimentare e dall’altra si sa già chi verrà scelto per la sperimentazione ed il tutto avviene nella stessa delibera di giunta (all. 1).

La procedura con cui il Comune di Pescara ha scelto la società che fornirà 2 autovelox e 4 semafori è la n. 78 del 16 aprile 2013 (All.2) in cui si da atto di "un’indagine conoscitiva volta ad individuare un soggetto che avesse i requisiti, le professionalità adeguate ad espletare il servizio e che possedesse il necessario Know-how". A ben vedere però che i contatti fossero iniziati prima lo si legge nella citata delibera di giunta.

Come poteva la Giunta non sapere?

Secondo problema attiene alla scelta. Premesso che non è una sperimentazione che può permettere di esulare dalle norme sugli appalti pubblici e che, come detto, un  appalto milionario come questo richiedeva comunque la gara pubblica, il Dirigente fa ricorso all’art. 15 della L. 241/90 per concedere l’affidamento diretto. Tuttavia:

1) la società Pescara Sicurezza e Mobilità Srl si costituisce il 10 aprile,

2) firma la convenzione il 16 aprile 2013

3) e il 22 aprile, il socio unico cioè Gestione srl, (quello citato nella prima delibera di Giunta Comunale e già conosciuta da Sindaco e Assessori) che renderebbe pubblica questa società cede le sue quote al sig. Damiano Marco, ridiventando privata a tutti gli effetti.

Altre circostanze mi pongono dubbi e imbarazzo ma sono sicuro che questa operazione già di per sé dovrebbe imporre al Sindaco ed alla sua Giunta le DIMISSIONI IN BLOCCO.

Il Consigliere Comunale PD

Antonio BLASIOLI

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalto Autovelox, Blasioli: "La Giunta sapeva,deve dimettersi"

IlPescara è in caricamento