rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Politica

Allagamenti e maltempo, polemiche fra maggioranza e opposizione

Dopo gli allagamenti che hanno interessato la città nei giorni scorsi a seguito delle intense piogge, Forza Italia attacca la giunta Alessandrini per la sospensione del cantiere antiallagamenti. Replica il vicesindaco Del Vecchio

Tornano le polemiche politiche in città riguardanti gli allagamenti. Dopo l'ondata di maltempo che ha colpito Pescara nei giorni scorsi, con allagamenti che hanno interessato alcune zone sensibili come Porta Nuova, Forza Italia torna ad attaccare la giunta Alessandrini in merito alla gestione del cantiere antiallagamenti.

In particolare, gli esponenti locali del partito di Berlusconi contestano il blocco voluto da Alessandrini dei fondi per il cantiere del Piano Antiallagamenti.

"Pescara è “annegata” per la folle scelta di bloccare un cantiere, cancellando lo stanziamento di fondi pari a 2 milioni 800 mila euro voluto dal presidente Chiodi per completare i lavori del Piano antiallagamenti di Pescara. Una scelta folle che abbiamo denunciato già da agosto. Uno stanziamento che poi D’Alfonso, certificando così la faziosità nelle scelte fatte, ha dovuto riassegnare a dicembre dopo i ricorsi al Tar di alcune amministrazioni comunali. Le opere destinate a contenere le conseguenze di forti e abbondanti piogge (come la vasca in costruzione all’altezza della rotonda tra viale D’Annunzio e viale Pindaro) sono indispensabili per risolvere o almeno calmierare il rischio di allagamenti" dichiara Forza Italia che accusa il Presidente D'Alfonso e il sindaco Alessandrini.

Secca la replica del vicesindaco Del Vecchio: "Sono dispiaciuto che in una situazione così drammatica per tanti cittadini e operatori economici pescaresi che hanno subito ancora una volta danni per l’assenza di un sistema anti allagamento in alcune parti della città, si debbano leggere parole così poco onorevoli da parte di persone elette per il bene della comunità. L’unica sostanza del comunicato è solo la voglia di animare una sterile e vana polemica, tesa, forse, ad autoassolversi per i cinque anni di totale assenza sull’argomento.
Non è stata la delibera regionale che i consiglieri citano a determinare i danni di questi giorni, ma è stata di certo l’assoluta incapacità da parte di chi ci ha preceduto di individuare almeno le risorse certe e spendibili per portare a compimento un progetto di così grande valore per una parte vulnerabile della città.
" dichiara il vicesindaco, aggiungendo che l'attuale amministrazione ha potuto far ripartire il progetto grazie all'annullamento della Duna, opera che era stata concepita e voluta dal centrodestra, dirottando i fondi destinati a quest'ultima verso il cantiere antiallagamenti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allagamenti e maltempo, polemiche fra maggioranza e opposizione

IlPescara è in caricamento