L'appello di Acerbo alla Asl: "Organizzare il trasporto dei pazienti Covid dal domicilio all'ospedale per le visite"

Il politico pescarese, guarito dal Coronavirus, fa presente che il trasporto dal domicilio all'ospedale per le visite di controllo può arrivare a costare fino a 150 euro

Organizzare un servizio di trasporto per i pazienti positivi al Covid, che si trovano nelle loro abitazioni ma devono recarsi in ospedale per le visite di controllo. La proposta arriva dal segretario nazionale di Rifondazione Acerbo, guarito recentemente dal Covid, che evidenzia come questo spostamento necessario possa diventare particolarmente complicato per chi non è autonomo o non ha la patente.

Se infatti non è in grado di guidare da solo fino all'ospedale, non può essere accompagnato da un parente perchè rischierebbe il contagio:

Ne so qualcosa perché quando ero positivo in isolamento domiciliare non trovai un'autombulanza che facesse il servizio.  Ora ho saputo che ci sono ambulanze disponibili ma che la Croce Rossa chiede 150 euro per il trasporto dei pazienti Covid. 
Mi sembra una cifra spropositata e non alla portata di tutti.   Credo che sia dovere della Asl organizzare un servizio di trasporto evitando che i pazienti vengano tartassati.  Presumo che il problema ci sia in tutto l'Abruzzo e credo che vadano trovate soluzioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Cerbiatto corre sul lungomare sud di Pescara, il video fa il giro del web

  • La cabina di regia mette l'Abruzzo in zona rossa, c'è l'annuncio di Speranza

Torna su
IlPescara è in caricamento